Ferrari F1: Alonso suona la carica

Il campione spagnolo è entusiasta dei progressi della F10 e annuncia: "ci credo ancora di più!"

La sfortuna, gli errori dei commissari di gara e i punti persi per strada non sono riusciti a scalfire minimamente le convinzioni di Fernando Alonso che alla vigilia del GP di Germania appare più motivato che mai. Merito di una determinazione invidiabile e della consapevolezza che, prima o poi, qualcosa dovrà cambiare.

"E' sempre il momento giusto per ottenere buoni risultati - spiega il campione di Oviedo - non solo in questo punto della stagione. Non è troppo tardi, e non lo sarà fino alle ultime due-tre gare. Ci sono ancora nove Gran Premi da disputare, con moltissimi punti a disposizione. Dobbiamo quindi cercare di raccoglierne in modo più regolare, considerando che lo zero di Valencia e Silverstone non è stato realistico, non ha rappresentato quello che avremmo potuto realmente ottenere. La posizione in classifica non rispecchia la reale qualità della Ferrari".

Insomma, l'ennesimo proclamo prima del via, che si avvale di un'ulteriore convinzione: "adesso possiamo lottare per il campionato e sono molto più sicuro di quanto non lo fossi prima, perchè anche se la differenza di punti è maggiore, la F10 sta migliorando gara dopo gara e quindi c'è la possibilità di salire sul podio con regolarità".

Se vuoi aggiornamenti su FERRARI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Valerio Verdone | 23 luglio 2010

Altro su Ferrari

Ferrari 488 Challenge: versione racing da 670 cavalli
Motorsport

Ferrari 488 Challenge: versione racing da 670 cavalli

Presentata a Daytona la nuova Ferrari 488 Challenge da 670 CV: sarà impiegata nell'edizione numero 25 del monomarca di Maranello.

Ferrari: celebra i 70 anni con 70 livree speciali
Anteprime

Ferrari: celebra i 70 anni con 70 livree speciali

La Casa di Maranello proporrà 70 colorazioni per ognuno dei 5 modelli in listino

Ferrari: ricorso per la penalizzazione di Vettel nel GP del Messico
Motorsport

Ferrari: ricorso per la penalizzazione di Vettel nel GP del Messico

Il team di Maranello torna all’attacco in seguito alle vicende messicane