La Formula 1 torna negli Stati Uniti

Dopo anni di assenza, le monoposto della massima formula correranno ad Austin in Texas a partire dal 2012

Dopo anni di assenza, la F1 tornerà  su un circuito statunitense con l'intento di avvicinare gli appassionati a stelle e strisce a una categoria notevolmente differente dalla Nascar e dalla Indy Racing League. Per l'occasione, le monoposto del circus iridato avranno un circuito costruito appositamente per le loro caratteristiche ad Austin, in Texas, dove correranno a partire dal 2012.

Soddisfatto Bernie Ecclestone che ha visto sfumare il sogno di correre a New York: "per la prima volta nella storia della Formula 1 negli Stati Uniti sarà costruito un impianto appositamente per ospitare un Gran Premio; erano 30 anni che la F1 non andava a correre su un circuito vero e proprio negli States, quando il GP si teneva con grande successo a Watkins Glen".

Ancora top secret le caratteristiche del tracciato che dovrà essere all'altezza degli standard dei circuiti più moderni. Di certo, l'idea di realizzare un impianto nuovo e adatto alle vetture di F1 consentirà di assistere a gare decisamente più avvincenti rispetto a quelle disputate dal 2000 al 2007 sul percorso ricavato all'interno dell'ovale di Indianapolis.

Se vuoi aggiornamenti su LA FORMULA 1 TORNA NEGLI STATI UNITI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Valerio Verdone | 27 maggio 2010

Vedi anche

F1 2017: parte un mondiale tutto nuovo

F1 2017: parte un mondiale tutto nuovo

Domenica a Melbourne si inizia a fare sul serio con la prima gara del 2017

Rally: in Messico vince la Citroen

Rally: in Messico vince la Citroen

Kris Meeke è il re del Sud America ma Ogier diventa leader del mondiale con il secondo posto

F1, test a Barcellona: Raikkonen e Ferrari davanti alla Mercedes di Hamilton

F1, test a Barcellona: Raikkonen e Ferrari davanti alla Mercedes di Hamilton

Avvincente testa a testa Ferrari – Mercedes: dopo la leadership mattutina di Hamilton, è Raikkonen il più veloce nella seconda giornata di prove.