BMW Sauber F1.09

Kers e aerodinamica insolita per ambire al titolo mondiale

BMW Sauber F1.09

Altre foto »

Ci aveva abituato a dichiarazioni "low profile" quel Mario Theissen, occhialuto gran capo di BMW Motorsport. "Punteremo a punti iridati" aveva dichiarato nel 2006, "cercheremo di salire sul podio" l'anno dopo, e ancora  "ambiamo alla prima vittoria" nel 2008...

Ora, dopo la presentazione della nuova F1.09, anche senza lo sponsor Credit Suisse, si parla di titolo iridato senza più mezze misure. La sfida è lanciata alle grandi da questa monoposto, caratterizzata da un muso più tozzo delle precedenti, ma già avanti per quel che riguarda lo sviluppo del Kers.

"Rimuovere le scanalature ha dato alle gomme anteriori più grip di quanto ne diano in proporzione quelle posteriori - ha spiegato il progettista Willy Rampf - per cui abbiamo dovuto spostare verso l'anteriore più peso possibile...e non è stato facile con il Kers che aggiunge ulteriore peso".

Il vistoso muso anteriore è dovuto al compromesso tra il carico aerodinamico e la ricerca della miglior influenza sull'aria diretta al fondo della monoposto. "Meno aria arriva direttamente contro le ruote meno turbolenze si creeranno" ha chiarito ancora Rampf, aggiungendo: "Quest'anno vedremo le configurazioni a massimo carico aerodinamico su molte più piste rispetto agli ultimi anni per i diminuiti valori di downforce".

Molto importante il passaggio dell'aria per il raffreddamento. "L'aria calda tende a scaldare tutti i componenti vicini. Prima avevamo le ciminiere, ora non più...il Kers va raffreddato, l'unità di controllo sistemata nella pancia destra ha un suo sistema di raffreddamento integrato".

Grande cura poi nella definizione dell'estrattore posteriore, che termina più indietro per non interferire con il flusso dell'aria nella parte bassa dell'ala, a tutto vantaggio della guidabilità.

Per quel che riguarda il Kers è noto che BMW è sempre stata favorevole allo studio di questo marchingegno, e avendo cominciato prima degli altri è indubbiamente in vantaggio sulla concorrenza. La F1.09 nasce figlia del Kers, ma esiste anche la possibilità di scendere in pista privi del dispositivo.

Niente di sconvolgente invece per quel che riguarda il motore, che avrà una coppia migliore, più dolce, e dovrebbe mantenere la sua proverbiale affidabilità vista la limitazione a 18 mila giri.

La scheda tecnica della BMW F1.09:

Telaio: monoscocca in fibre di carbonio

Sospensioni: tipo push rod a triangoli sovrapposti

Motore: BMW P86/9  V8 a 90°, peso 95 kg

Freni: pinze a 6 pistoncini Brembo, dischi Carbon Industrie

Cambio: sequenziale a 7 rapporti

Ruote : OZ

Peso: 650 kg a secco incluso pilota

Se vuoi aggiornamenti su BMW inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Leopoldo Canetoli | 27 gennaio 2009

Altro su BMW

Bmw: nel 2021 la prima auto autonoma al 100%
Tecnica

Bmw: nel 2021 la prima auto autonoma al 100%

La Casa dell’elica ha dichiarato che lancerà la sua prima vettura 100% a guida autonoma con intelligenza artificiale nel 2021.

Drivenow: il car sharing di Bmw all’aeroporto di Milano Linate
Anteprime

Drivenow: il car sharing di Bmw all’aeroporto di Milano Linate

Il Car sharing premium del Gruppo Bmw allarga la sua area operativa con l’inclusione dell’aeroporto di Milano Linate.

Bmw: la ricarica intelligente per sfidare Tesla
Ecologiche

Bmw: la ricarica intelligente per sfidare Tesla

La Casa di Monaco ha presentato il nuovo BMW Digital Charging Service per la ricarica intelligente delle auto elettriche e ibride plug-in.