La Ferrari è pronta per Jerez

Ad aprire le danze sarà Fernando Alonso che a bordo della F10 si cimenterà in una serie di giri veloci nelle giornate del 10 e 11 febbraio

Dopo l'esordio trionfale di Valencia, la Ferrari si appresta ad affrontare la seconda sessione di test stagionale sul circuito di Jerez per ribadire la superiorità tecnica mostrata pochi giorni fa. Ad aprire le danze sarà il padrone di casa Fernando Alonso che a bordo della F10 si cimenterà in una serie di giri veloci nelle giornate del 10 e 11 febbraio. Lo spagnolo lascerà il testimone a Felipe Massa il 12, quando il brasiliano lo sostituirà nell'abitacolo della monoposto di Maranello.

Per l'occasione la Ferrari non ha previsto nessun cambiamento dal punto di vista aerodinamico, le uniche novità riguarderanno solamente alcuni aggiornamenti meccanici. Un indizio che la dice lunga sulla bontà del progetto made in Maranello. Nel frattempo, nella factory del Cavallino si sta lavorando alacremente per realizzare il secondo telaio della F10 che debutterà ufficialmente nei test in programma sullo stesso circuito spagnolo dal 17 al 20 febbraio.

Tutto è pronto per vedere all'opera il campione di Oviedo e la F10: la vettura è già arrivata in autodromo completamente revisionata. Tra circa 24 ore sapremo se ci sono avversarie in grado di tenerle testa.

Se vuoi aggiornamenti su FERRARI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Valerio Verdone | 09 febbraio 2010

Altro su Ferrari

Ferrari 488 Challenge: versione racing da 670 cavalli
Motorsport

Ferrari 488 Challenge: versione racing da 670 cavalli

Presentata a Daytona la nuova Ferrari 488 Challenge da 670 CV: sarà impiegata nell'edizione numero 25 del monomarca di Maranello.

Ferrari: celebra i 70 anni con 70 livree speciali
Anteprime

Ferrari: celebra i 70 anni con 70 livree speciali

La Casa di Maranello proporrà 70 colorazioni per ognuno dei 5 modelli in listino

Ferrari: ricorso per la penalizzazione di Vettel nel GP del Messico
Motorsport

Ferrari: ricorso per la penalizzazione di Vettel nel GP del Messico

Il team di Maranello torna all’attacco in seguito alle vicende messicane