Formula 1: il patron della Force India fugge dai debiti

Il patron della scuderia è scappato dal suo Paese, oberato dai debiti.

La Force India è nei guai, con Vijay Mallya, ovvero l'amministratore delegato e team principal della squadra, fuggito all'estero per i debiti accumulati.

Infatti, colui che ha dato vita alla Force India si ritroverebbe con uno scoperto da 1,2 miliardi di euro nei confronti di 17 banche, l'equivalente del prestito maturato per tentare di salvare la compagnia aerea Kingfisher, sponsor principale delle monoposto indiane, che è fallita.

Così, Mallya attualmente è al centro di un'inchiesta per riciclaggio, con il sospetto di aver nascosto dei soldi nei conti esteri. Chiaramente, a pagarne le spese potrebbe essere il team di Formula 1, visto che non si ritroverebbe i fondi necessari per correre.

Ma è ancora presto per creare falsi allarmismi, prima bisogna attendere l'esito della questione e poi valutarne le eventuali conseguenze. Certo è che l'immagine della Formula 1 potrebbe risentirne ulteriormente nel caso la Force India fosse costretta a non scendere in pista per via dei debiti del suo patron.

Vedremo cosa succederà, a cominciare dal gran premio d'Australia, in programma il 20 marzo.

Se vuoi aggiornamenti su FORMULA 1: IL PATRON DELLA FORCE INDIA FUGGE DAI DEBITI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Valerio Verdone | 10 marzo 2016

Vedi anche

DIRETTA F.1 GP di Abu Dhabi: Rosberg è Campione del Mondo

DIRETTA F.1 GP di Abu Dhabi: Rosberg è Campione del Mondo

Grande battaglia ad Abu Dhabi, ognuno gioca le sue carte, ma Rosberg si aggiudica il Campionato. Strepitoso Vettel!

F.1 GP di Abu Dhabi, QUALIFICHE: Lewis accelera, Nico lo marca

F.1 GP di Abu Dhabi, QUALIFICHE: Lewis accelera, Nico lo marca

Altra pole di Hamilton, ma Nico continua ad amministrare. Giro capolavoro di Ricciardo, Kimi ancora meglio di Vettel.

Peugeot 3008 DKR: svelata la livrea per la Dakar 2017

Peugeot 3008 DKR: svelata la livrea per la Dakar 2017

La versione da gara del SUV del Leone indossa i colori ufficiali