Arrinera Hussarya GT: pronta per il FIA GT4

Arrinera ha mostrato una serie di immagini digitali della Hussarya GT, la versione da corsa della supercar polacca.

Arrinera Hussarya GT: pronta per il FIA GT4

di Giuseppe Cutrone

20 gennaio 2016

Arrinera ha mostrato una serie di immagini digitali della Hussarya GT, la versione da corsa della supercar polacca.

Una serie di rendering ufficiali è stata diffusa da Arrinera per far conoscere al pubblico la sua Hussarya GT, anche se in realtà la vettura è già stata presentata dal vivo la scorsa settimana durante l’Autosport International di Birmingham, in Gran Bretagna. 

La vettura, che si può apprezzare ora anche grazie a queste ricostruzioni digitali, è la versione realizzata dal costruttore per partecipare  al campionato FIA GT4 ed è quindi in regola con tutte le specifiche imposte dalla Federazione.  

Il motore della Arrinera Hussarya GT è posizionato in posizione centrale ed è un V8 di 6,2 litri di origine General Motors che assicura una potenza di 430 cavalli e una velocità massima di 250 km/h. Il tutto è gestibile per mezzo di un cambio sequenziale a sei rapporti. 

Arrinera Racing ha utilizzato materiali leggeri per realizzare il corpo vettura e il telaio, con quest’ultimo che vanta una struttura in acciaio tubolare affiancata da una combinazione di fibra di carbonio, alluminio e Kevlar. Simili soluzioni sono state adottate per l’abitacolo, ridotto al minimo indispensabile come succede su tutte le vetture da gara, tanto che sulla sportiva polacca si notano solo la plancia comandi orientata verso il guidatore, uno schermo a colori e rivestimenti i fibra di [glossario:carbonio] per riuscire a contenere il peso complessivo non oltre i 1.249 chilogrammi. 

Completano infine la dotazione tecnica della Hussarya GT le sopensioni push-road con [glossario:ammortizzatori] Ohlins e l’impianto frenante Alcon dotato di pinze a sei pistoncini e dischi da 380 millimetri.  

Nei progetti di Arrinera la versione da corsa dovrebbe essere prodotta in due o tre esemplari all’anno ad un prezzo di circa 185.000 dollari, ovvero poco mendo di 138.000 euro al cambio odierno.

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...