WTCC: a Imola "uno–due" Seat

L'appuntamento tricolore del Mondiale Turismo si è concluso con una netta affermazione delle Leon Tdi. Tarquini allunga in classifica

E' tornato a guardare tutti dall'alto in basso. Per la vittoria di Imola, per la combattività da vendere, per l'assoluta competitività della Seat Leon Tdi. Gabriele Tarquini, ieri, è stato il simbolo dell'Italia da corsa: tornato vincente dall'appuntamento tricolore con il WTCC, il driver abruzzese si è accaparrato la leadership in campionato: 18 punti che, a due tappe dal termine, iniziano a pesare tanto, tantissimo, per gli inseguitori; a iniziare dal brasiliano Augusto Farfus, che torna da Imola con un solo punto valevole ai fini della classifica.

La trasferta imolese del WTCC ha visto un trionfo per la Seat, prima e seconda in ciascuna delle due gare con Gabriele Tarquini e Yvan Muller primo e secondo in gara 1 e posizioni invertite (primo Muller, secondo Tarquini) in gara 2: un risultato che contribuisce a mantenere salda anche la prima posizione della Seat nella classifica Costruttori.

Il fine settimana sulle rive del Santerno si è aperto, in Gara 1, con una bagarre subito dopo il "via", che ha coinvolto proprio la Seat di Yvan Muller, "toccata" alla prima chicane dalla Chevrolet Cruze del britannico Rob Huff; come conseguenza, Jordi Gené è stato costretto ad intraversarsi, in un disperato tentativo di salvataggio che ha coinvolto alcune vetture, fra queste tutte e due le 320i del BMW Team Germany. Dopo l'intervento della safety car, la posizione di testa è stata occupata da Tarquini, che con Yvan Muller alle spalle ha terminato Gara 1 nell'ordine.

Il secondo appuntamento si è nuovamente svolto all'insegna della Seat: l'"uno-due" del giorno prima viene confermato, ma le posizioni al traguardo saranno al contrario: ad avere la meglio sul compagno di squadra è stato Yvan Muller, vincitore con un distacco di appena 3 decimi

Il passo delle Seat si è rivelato vincente anche nel computo dei distacchi: oltre 4 secondi allo svizzero della Chevrolet Alain Menu, terzo al traguardo precedendo Alex Zanardi, che ha infiammato il pubblico sulle tribune del circuito di casa e ha concluso il weekend imolese in quarta posizione.

La classifica del Campionato vede Gabriele Tarquini al comando con 109 punti, seguito dal compagno di squadra Yvan Muller a quota 102; terzo posto per Augusto Farfus (91).

Fra i Costruttori, leadership confermata per la Seat, che guida il plotone con 271 punti; in seconda posizione, e distanziata di ben 21 punti, la BMW; terzo posto per la Chevrolet (175 punti), quarta posizione per la Lada, a quota 78.

Se vuoi aggiornamenti su SEAT inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Giorgi | 21 settembre 2009

Altro su SEAT

Seat conferma: nel 2018 arriverà il maxi Suv
Anteprime

Seat conferma: nel 2018 arriverà il maxi Suv

Sarà progettato a Martorell e costruito a Wolfsburg sulla piattaforma MQB A2; e Seat festeggia il migliore risultato operativo della propria storia.

Seat Ibiza 2017, la nuova generazione si scopre a Ginevra
Anteprime

Seat Ibiza 2017, la nuova generazione si scopre a Ginevra

La nuova Ibiza punta a rafforzare il suo importante ruolo nella gamma Seat con un design sportivo e tanta tecnologia.

Seat: la nuova Ibiza e le altre novità al Salone di Ginevra 2017
Anteprime

Seat: la nuova Ibiza e le altre novità al Salone di Ginevra 2017

L’anteprima mondiale della nuova Seat Ibiza sarà accompagnata dalla Leon Cupra da 300 CV e dalla versione da pista dedicata al campionato TCR.