La CSAI premia Fisichella, Badoer e Minardi

La Federazione sportiva ha celebrato i piloti italiani in F.1 in occasione del GP di Monza. L’iniziativa intitolata “Uno di noi”

La CSAI premia Fisichella, Badoer e Minardi

di Francesco Giorgi

17 settembre 2009

La Federazione sportiva ha celebrato i piloti italiani in F.1 in occasione del GP di Monza. L’iniziativa intitolata “Uno di noi”

.

Con il debutto di Giancarlo Fisichella in Ferrari, la CSAI tira fuori dall’armadio un po’ di medaglie e si inventa una premiazione per i “nostri” nella massima Formula.

Il riconoscimento, che si intitola “Uno di noi”, è stato consegnato allo stesso Fisichella, a Luca Badoer (“reduce” da due Gran Premi corsi con il difficile compito di seconda guida della monoposto del Cavallino dopo un decennio trascorso, dietro le quinte, nel ruolo di collaudatore) e Giancarlo Minardi, attuale Presidente della Sottocommissione Velocità ACI CSAI.

Palcoscenico della premiazione è stato il motorhome Stampa della Scuderia Ferrari nei paddock dell’Autodromo di Monza: lì, il Presidente dell’ACI-CSAI, Angelo Sticchi Damiani, ha consegnato i tre riconoscimenti.

Il principio di questa premiazione deriva, secondo quanto dichiarato dal numero uno della Federazione Sportiva nazionale, da “Un momento felice per i colori italiani in Formula 1. Per questo stiamo lavorando perché questo momento si prolunghi nel tempo, portando alla costante presenza di piloti italiani, soprattutto giovani, alla guida delle monoposto massima espressione dell’automobilismo sportivo internazionale“.

La dichiarazione di Sticchi Damiani si riferisce alla presenza di Fisichella, Jarno Trulli e Vitantonio Liuzzi in F1 e anche ad alcuni giovani attualmente impegnati nella GP2: Luca Filippi, Davide Rigon, Edoardo Mortara e Davide Valsecchi.