Ferrari: Bottas prende il posto di Raikkonen

Trovato l’accordo con la Williams per 12 milioni di euro

La notizia che il mondo della formula 1 aspettava è arrivata: Raikkonen lascerà la Ferrari nel 2016. Non è ancora ufficiale ma poco ci manca, d'altra parte, il Corriere dello Sport ha svelato l'accordo tra la squadra di Maranello e la Williams per una cifra di 12 milioni di euro che darebbe il via all'arrivo di Valtteri Bottas a Maranello.

Detta così, in tempo di calciomercato, sembrerebbe il trasferimento di un calciatore, ma in realtà si tratta di un pilota, non di un campione del mondo, ma di un driver che sembra avere tutte le qualità per vincere. L'ufficialità dovrebbe arrivare a Monza, ma comunque non prima del 31 luglio, quando scadrà la clausola contrattuale tra Raikkonen e la Ferrari, che avrebbe consentito a quest'ultima di trattenere Iceman per un'altra stagione.

Dunque, hanno pesato gli errori del campione del mondo 2007, le indecisioni nei momenti chiave delle ultime gare, o forse si è deteriorato un rapporto che non è mai stato idilliaco, per la poca propensione alla comunicazione di Raikkonen.

In ogni caso, dal prossimo anno vedremo una formazione diversa, con Vettel che sarà ulteriormente motivato a dare il 100% visto che Bottas avrà tutti gli stimoli possibili e immaginabili per mettersi in mostra e tentare di vincere qualcosa con la Ferrari.

Se vuoi aggiornamenti su FERRARI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Valerio Verdone | 17 luglio 2015

Altro su Ferrari

Ferrari 812 Superfast: la più potente di sempre
Anteprime

Ferrari 812 Superfast: la più potente di sempre

La nuova 12 cilindri della Casa di Maranello sfoggia un design aggressivo e a tratti retrò abbinato ad un potentissimo 12 cilindri aspirato da 800 CV.

Ferrari: una F12 tdf per Horacio Pagani
Curiosità

Ferrari: una F12 tdf per Horacio Pagani

Una Ferrari personalizzata per la collezione privata del costruttore italoargentino.

Ferrari: inediti modelli nel suo futuro
Anteprime

Ferrari: inediti modelli nel suo futuro

Secondo Marchionne ci sarebbe "un enorme terreno inesplorato". Un'affermazione che apre nuovi scenari per la gamma del prossimo futuro.