GP India: Vettel è campione del mondo 2013

Sul tracciato indiano il pilota tedesco si laurea matematicamente campione del mondo.

Il "pulcino" che tre anni versava lacrime sul podio del circuito di Budda è diventato grande. Su questo circuito ha vinto negli ultimi tre anni consecutivi, e questa volta, in India si è anche laureato campione del mondo per la quarta volta.

Un poker, quello di Sebastian Vettel, assolutamente meritato, in una stagione nella quale ha dominato sin dalla prima gara e a soli 26 anni sale nell'Olimpo dei supercampioni alla pari di Prost, subito dietro a Fangio e Schumacher.

Forse non si correrà più in India, o almeno non ci sarà il GP il prossimo anno. Un peccato perché il circuito si è dimostrato validissimo, piace ai piloti e seleziona per quel che riguarda l'uso dei pneumatici.

Diverse erano infatti le strategie, diversi i pneumatici impegnati sin dal via, con Webber e Alonso che avevano preferito una gomma più solida mentre gli altri rischiavano con pneumatici che non garantivano nemmeno cinque giri.

Così al via Vettel è scattato al comando, ma al secondo giro era già ai box per cambiare gomme. Strategia astuta e studiata, o già minaccia dei terribili "blister" sin dai primi chilometri? Anche Alonso entrava precipitosamente ai box, me per il ferrarista, che era entrato in contatto con Webber, c'era da sostituire l'ala anteriore danneggiata.

Così è stata la volta di Massa, partito molto bene, a prendere il comando delle operazioni sino a quando non è sopraggiunto Webber che si è posto al comando dall'undicesimo passaggio e lo ha mantenuto sino al 29° quando il compagno Vettel è arrivato come una furia...

Da quel momento nessuno è più riuscito a impensierire il leader del mondiale, neppure il compagno Webber che ha ricevuto via radio l'ordine tassativo di fermarsi per un problema evidenziato dalla telemetria o all'alternatore o al cambio.

Era il quarantesimo giro, due terzi di gara, e ancora una volta, alla Red Bull, guasti meccanici fermavano l'australiano che come è noto ha già annunciato di lasciare la F.1 a fine stagione per correre nelle gare endurance con la Porsche.

E mentre Vettel spiccava anche il miglior tempo sul giro bella e accanita si svolgeva la lotta alle sue spalle, tra le due Lotus, Rosberg e Massa che sperava di salire sul podio e almeno portare punti per il Mondiale Costruttori.

Niente da fare per la Ferrari con il brasiliano che non riusciva a far meglio del quarto posto mentre Alonso terminava undicesimo. Gran corsa quella di Grosjean che alla fine aveva la meglio sul compagno di squadra Raikkonen, costretto a un pit stop volante per montare gomme tenere e almeno spiccare il giro più veloce. Ma Grosjean doveva subire anche il forcing di Rosberg che lo infilava in finale portandogli via il secondo posto.

Vettel chiudeva con un "burn out" motociclistico, liberatorio, a quota 322 punti, un vantaggio di più di cento su Alonso e Raikkonen. E grazie al secondo posto di Rosberg la Mercedes "bruciava" la Ferrari per il secondo posto costruttori, che rimane in gioco nelle ultime gare.

Se vuoi aggiornamenti su GP INDIA: VETTEL È CAMPIONE DEL MONDO 2013 inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Leopoldo Canetoli | 28 ottobre 2013

Vedi anche

DIRETTA F.1 GP di Abu Dhabi: Rosberg è Campione del Mondo

DIRETTA F.1 GP di Abu Dhabi: Rosberg è Campione del Mondo

Grande battaglia ad Abu Dhabi, ognuno gioca le sue carte, ma Rosberg si aggiudica il Campionato. Strepitoso Vettel!

F.1 GP di Abu Dhabi, QUALIFICHE: Lewis accelera, Nico lo marca

F.1 GP di Abu Dhabi, QUALIFICHE: Lewis accelera, Nico lo marca

Altra pole di Hamilton, ma Nico continua ad amministrare. Giro capolavoro di Ricciardo, Kimi ancora meglio di Vettel.

Peugeot 3008 DKR: svelata la livrea per la Dakar 2017

Peugeot 3008 DKR: svelata la livrea per la Dakar 2017

La versione da gara del SUV del Leone indossa i colori ufficiali