GP Ungheria: vince Hamilton, secondo Raikkonen

Sul rovente tracciato ungherese Lewis Hamilton sale sul gradino più alto del podio per la prima volta in questa stagione. Alonso solo quinto.

Qualcuno, alla fine di questo bollente GP d'Ungheria, ha insinuato che forse la Mercedes aveva preso in giro tutti sin dall'inizio delle prove... Forse, hanno commentato altri. Anche se Hamilton ha saputo dal suo ingegnere di pista del suo risultato, che non si aspettava di certo dopo tre sessioni di prove libere dominate dal solito Vettel...

Poi tutti hanno pronosticato una solita vittoria della Red Bull considerando l'attitudine della Mercedes a consumare i pneumatici in maniera anomala. Ma quando, dopo un via regolare con Hamilton al comando, dopo una decina di giri, al primo cambio gomme, si sono resi conto che le Mercedes avevano cambiato tipo di prestazioni, beh allora è stato chiaro che la vittoria poteva arrivare, con o senza Vettel in pista.

Evidentemente alla Mercedes hanno una capacità di reagire, di sviluppare le monoposto, decisamente superiore a tutti gli altri. Segnatamente alla Ferrari della quale, non dimentichiamolo, hanno impiegato due tecnici di valore, del calibro di Ross Brown e Aldo Costa, che in questo staff tecnico hanno dimostrato di essere gli unici in grado di tenere il passo del genio Adrian Newey padre della Red Bull.

E tornando quindi alla Ferrari, che avrebbe dovuto proporre una svolta da questa decima gara del campionato, al giro di boa del mondiale, dobbiamo ancora una volta prendere atto che le monoposto del Cavallino non solo sono inferiori alle Red Bull e alle Lotus, ma ora anche alle Mercedes.

Niki Lauda ha detto senza mezzi termini che il merito di questo risultato va tutto attribuito a Lewis Hamilton. Niente da dire su questo giudizio. Lewis ha disputato una gara incredibile: partito dalla pole non ha mai perso la giusta visione della gara e con qualche guizzo in un paio di sorpassi ha sempre rimesso le cose a posto.

Sul podio non c'è arrivato per un pelo, ma secondo noi un altro eroe di questa gara è stato Mark Webber, ormai poco considerato in squadra (da quando ha anticipato che il prossimo anno correrà per la Porsche) che ha accusato guai banali in prova ma in gara, partito dalla decima posizione, è arrivato sino alla quarta piazza. E ci sarebbe piaciuto se fosse riuscito ad agguantare la coda del compagno Vettel per vedere come si sarebbero comportati dal muretto Red Bull.

Al secondo posto, con tutto merito, il finlandese Raikkonen che ha adottato la tattica delle due soste costretto alla fine a resistere agli assalti di Vettel per ben 33 giri con lo stesso treno di gomme! Strategia che ha pagato, in termine di campionato, visto che ora Raikkonen si trova al secondo posto in classifica con 134 punti, uno di più di Alonso, che ora ne accusa 39 di distacco dal leader Vettel.

Un Vettel che fa ancora più paura perché, al di là delle prestazioni sul giro, è anche in grado di ragionare in termini di mondiale e si sa accontentare anche di un terzo posto pur di raggranellare punti alla caccia dell'ennesimo titolo.

Le gomme questa volta (nuove nella soluzione carcassa in kevlar e mescole ultima generazione) hanno funzionato bene, pur in una domenica bestiale come temperature, la peggiore domenica della stagione.

Ora pausa estiva prima delle prossime gare velocissime, la prima delle quali sarà a Spa a fine agosto. E il tormentone rimane. Ce la faranno i nostri eroi di Maranello a recuperare la mancanza di prestazioni delle loro vetture? Alonso ha ammesso che, per rientrare in corsa per il titolo, ci vorrebbero almeno due vittorie di fila. Auguri Ferrari, che siano buone vacanze...

Se vuoi aggiornamenti su GP UNGHERIA: VINCE HAMILTON, SECONDO RAIKKONEN inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Leopoldo Canetoli | 29 luglio 2013

Vedi anche

DIRETTA F.1 GP di Abu Dhabi: Rosberg è Campione del Mondo

DIRETTA F.1 GP di Abu Dhabi: Rosberg è Campione del Mondo

Grande battaglia ad Abu Dhabi, ognuno gioca le sue carte, ma Rosberg si aggiudica il Campionato. Strepitoso Vettel!

F.1 GP di Abu Dhabi, QUALIFICHE: Lewis accelera, Nico lo marca

F.1 GP di Abu Dhabi, QUALIFICHE: Lewis accelera, Nico lo marca

Altra pole di Hamilton, ma Nico continua ad amministrare. Giro capolavoro di Ricciardo, Kimi ancora meglio di Vettel.

Peugeot 3008 DKR: svelata la livrea per la Dakar 2017

Peugeot 3008 DKR: svelata la livrea per la Dakar 2017

La versione da gara del SUV del Leone indossa i colori ufficiali