Peugeot 208 T16 Pikes Peak: 0-100 km/h in 1,8 secondi!

Numeri impressionanti per la nuova compagna di viaggio di Sebastien Loeb alla prossima Pikes Peak.

Peugeot 208 T16 Pikes Peak: 0-100 km/h in 1,8 secondi!

di Valerio Verdone

24 aprile 2013

Numeri impressionanti per la nuova compagna di viaggio di Sebastien Loeb alla prossima Pikes Peak.

Ci vuole un mostro per vincere la cronoscalata più spettacolare del mondo, la celeberrima Pikes Peak, e ci vuole un cannibale per domarlo nel migliore dei modi. Per questo la Peugeot ha creato la paurosa 208 T16 Pikes Peak affidandola niente meno che a Sebastien Loeb, il campione di rally più talentuoso di tutti i tempi che ha dominato il mondiale per 9 anni consecutivi.

>> Guarda le immagini ufficiali della 208 T16 Pikes Peak

Già il nome di questa vettura la dice lunga, chi non ricorda infatti la mitica 205 T16 che ha vinto in lungo e in largo nel terribile Gruppo B scrivendo la leggenda delle corse su strada? Bene, la 208 T16 ne raccoglie il testimone visto che è adeguatamente brutale per i nostri tempi. Non ci credete? Allora pensate a cosa possono fare 875 CV su 875 kg, un rapporto peso potenza impressionante, che Peugeot vuole sfruttare a pieno per trionfare nella categoria unlimited.

Ma la potenza, come recitava una pubblicità, è nulla senza controllo, per cui la trazione integrale, la grande ala posteriore (due metri di larghezza) e l’impianto frenante in carbonio, sono elementi indispensabili per tenere a bada un potenziale degno di un dragster. Ci vorrà tutta la perizia di Loeb e una continua danza delle sue dita sui comandi al volante del cambio sequenziale a 6 marce per controllare la cavalleria erogata dal V6 3.2 bi-turbo posteriore-centrale che gira fino a 7.800 giri e vanta una coppia di 883 Nm.

Semplicemente da paura le prestazioni: 1,8 secondi per toccare i 100 km/h con partenza da fermo, 4,8 secondi per raggiungere i 200 km/h e solamente 7 secondi per arrivare ai 240 km/h. Il 30 giugno si avvicina ed aumenta l’attesa per questa nuova avventura di Loeb che non ha minimamente perso il vizio del traverso, come dimostra la sua recente vittoria al rally di Montecarlo.