F1: prima doppietta Red Bull a Sepang 2013

La seconda gara della stagione vede la vittoria di Vettel davanti al compagno Webber (non senza polemiche). Fuori Alonso, Massa solo quinto.

F1: prima doppietta Red Bull a Sepang 2013

di Leopoldo Canetoli

25 marzo 2013

La seconda gara della stagione vede la vittoria di Vettel davanti al compagno Webber (non senza polemiche). Fuori Alonso, Massa solo quinto.

Secondo Gran Premio dell’anno, subito fuori i… “secondi”. Se c’erano dubbi sulle gerarchie tra le squadre dominanti, eccoli chiariti. Il tricampione del mondo Vettel non ha esitato, in extremis, a tirar fuori le unghie sul suo compagno di squadra Webber, autore di una gara molto positiva, e che avrebbe meritato la vittoria. Sul podio è dovuto intervenire il progettista Adrian Newey per placare gli animi e all’interno della squadra ci dovranno essere dei chiarimenti. Stesso discorso per la Mercedes che a fine gara ha imposto un Hamilton più lento su Rosberg, e questa volta è toccato a Ross Brawn intervenire chiaramente via radio…

>> Guarda le immagini del GP di Sepang

E la Ferrari? Ci si aspettava molto da Massa, che partiva dalla prima fila, e che ha perso subito molte posizioni. In compenso l’arrembante Alonso non perdeva la scia di Vettel e addirittura finiva per tamponarlo dopo poche curve. Il guaio è che l’ala anteriore si è piegata e tutti pensavano che lo spagnolo sarebbe rientrato subito a cambiarla. Invece Fernando deve aver pensato che poteva rischiare di fare qualche giro, per poi entrare ai box, cambiare ala, e pneumatici, sostituendo gli intermedi con le slick. Ma dopo un giro e mezzo l’ala si è staccata, finendo sotto la sua Ferrari, facendo uscire di pista il nostro eroe.

Si è messo presto in luce l’australiano Webber, che partiva molto bene e non sbagliava niente sul piano della strategia dei cambi gomme (mentre il suo compagno Vettel era il primo a entrare ai box dopo soli 6 giri quando era al comando della gara…). Con le gomme più dure Webber si è alternato al comando secondo i diversi, quattro, cambi di pneumatici.

Alle spalle dei due della Red Bull in evidenza le Mercedes, con un confusionario Hamilton che sbagliava il box per il cambio gomme e si fermava prima davanti ai suoi ex meccanici della McLaren… e poi Rosberg che lo insidiava sempre da vicino, arrivando a chiedere più volte se poteva superare il compagno…Ma appunto Ross Brawn lo congelava al suo posto!

Con la McLaren una buona gara la stava facendo Button fino a quando in un cambio gomma i meccanici non hanno fatto a tempo a stringerli il bullone della ruota anteriore destra. Jenson se ne accorgeva subito e si fermava sulla corsia box, venendo poi riportato a spinta all’indietro dai meccanici. Ma ormai per lui la gara finita. Problemi ai box anche per le due Force India che avrebbero potuto ben figurare se non avessero avuto tanti guai nei cambi gomme.

Il finale è stato comunque emozionante. Vettel è stato estremamente aggressivo sul compagno, e lo ha ammesso anche sul podio. Comunque la doppietta Red Bull si è di nuovo verificata. Rosberg è stato tenuto a bada via radio quando poteva superare il compagno Hamilton, che sportivamente lo ha ammesso a fine gara.

E le Ferrari? Massa lento nella prima parte della gara, sul bagnato, ha poi recuperato in extremis un quinto posto di rimonta. Sull’episodio Alonso il responsabile Domenicali ha ammesso che il rischio che avevano preso era un rischio che non si doveva prendere. Di solito l’alettone, anche se piegato, non si stacca. Ma a Sepang è successo il contrario.

In difficoltà anche il dominatore della prima gara dell’anno, il finlandese Raikkonen, che è stato sopravanzato, per la prima volta, dal compagno Grosjean. Ora Pasqua per tutti. Prossima gara in Cina il 14 di aprile.