Ferrari F1 2013: sarà svelata il 1 febbraio

Evento streaming online per la nuova Ferrari F1 che correrà nel campionato 2013.

Ferrari  F1 2013: sarà svelata il 1 febbraio

Tutto su: Ferrari

di Valerio Verdone

24 gennaio 2013

Evento streaming online per la nuova Ferrari F1 che correrà nel campionato 2013.

Ancora pochi giorni e la nuova Ferrari F1 2013 verrà svelata al mondo intero con un evento in streaming online attraverso il quale gli appassionati di tutto il mondo e gli addetti ai lavori potranno familiarizzare con la nuova monoposto del Cavallino Rampante. L’ultima dell’era V8, visto che nel 2014 cambierà regolamento e si passerà ai motori V6 sovralimentati.

Dunque, il 2013 sarà un anno di transizione, un anno in cui non si vedranno degli stravolgimenti tecnici e in cui il regolamento non subirà grandi rivoluzioni rispetto alla stagione precedente. Di conseguenza, la Ferrari ha un’ottima base per le gare e l’unico aspetto che deve migliorare è la prestazione sul giro singolo, per non ritrovarsi indietro sulla griglia di partenza. Riuscirà il team a costruire una vettura finalmente all’altezza delle Red Bull dopo 3 anni difficili e avari di soddisfazioni nonostante l’impegno profuso? E’ ancora presto per dirlo, ma il fatto che la Ferrari abbia preso in prestito la galleria del vento che fu dell’ex team Toyota la dice lunga sulle intenzioni dei tecnici di Maranello.

>> Guarda la gallery della F2012

Dietro il volante ancora la coppia Alonso-Massa, due piloti differenti, il primo al top della condizione che è chiamato a ripetere la stagione perfetta dello scorso anno, il secondo riconfermato nonostante due anni difficili e che dovrà per forza di cose correre ai livelli della seconda parte della stagione per essere utile alla causa ferrarista. Vedremo se “Nando” sarà sempre il samurai combattente come quello che ha tatuato sulla pelle, o se avrà subito il contraccolpo psicologico dell’ennesimo titolo perso per un soffio.

Nel frattempo gli avversari si chiamano Vettel, sempre sicuro di un team che lavora per lui e con una vettura da riferimento; Raikkonen, adesso con una Lotus ancor più competitiva grazie all’arrivo di nuovi fondi per via del nuovo sponsor; ed Hamilton, che dovrà gestire una Mercedes finora molto deludente.

Non resta che aspettare il 1 febbraio per vedere se a Maranello terranno un basso profilo, o insisteranno con i proclami di vittoria che nelle ultime stagioni non hanno certo giovato ad un team che vive sotto pressione già per il semplice fatto di chiamarsi Ferrari.