GP di Monaco: nelle seconde libere svetta Button

Il pilota McLaren è stato favorito dalle mescole Supersoft e dall’arrivo della pioggia.

McLaren MP4-27 2012

Altre foto »

Alla fine il vero potenziale dei piloti in pista non si è visto al 100% nella seconda sessione di prove libere del GP di Monaco per via della pioggia che è arrivata a scombinare i piani delle varie scuderie proprio nel momento in cui i top driver stavano facendo sul serio.

Di conseguenza la lista dei tempi è bugiarda, o perlomeno non è così chiara come dovrebbe essere. Certo, nelle prime posizioni ritroviamo molti protagonisti delle prime libere, ma al primo posto c'è un certo Jenson Button che ha potuto sfruttare le mescole Supersoft a differenza degli altri piloti. Il risultato? L'alfiere della McLaren si trova al vertice della classifica giornaliera con un tempo di 1'15"746, mentre dietro di lui ci sono l'arrembante Grosjean e i due ferraristi Massa e Alonso.

L'aspetto positivo per la scuderia del Cavallino Rampante è che il pilota brasiliano è stato veloce in entrambe le sessioni delle prove libere e questo fa ben sperare per un recupero psicologico di un pilota capace di sfiorare il mondiale nel 2008. Domani ci sarà la terza sessione di libere, che molto probabilmente saranno condizionate dalla pioggia, ma la speranza è che il meteo consenta a tutti di battagliare con pista asciutta sia in qualifica che in gara.

Se vuoi aggiornamenti su GP DI MONACO: NELLE SECONDE LIBERE SVETTA BUTTON inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Valerio Verdone | 24 maggio 2012

Vedi anche

F1: la Williams conferma il ritorno di Massa

F1: la Williams conferma il ritorno di Massa

Un ritiro che di fatto... non c'è mai stato: per sostituire Bottas approdato in Mercedes, la Williams sigla un contratto con il driver paulista.

Dakar 2017, si conclude con il trionfo Peugeot

Dakar 2017, si conclude con il trionfo Peugeot

Storica tripletta per la 3008DKR nella difficile maratona motoristica

Dakar 2017: annullata la nona tappa

Dakar 2017: annullata la nona tappa

La decisione è stata presa per colpa del brutto tempo