F1: presentate le nuove coperture 2012

Pirelli F1: le gomme da bagnato rispolverano la famosa denominazione Cinturato.

La Pirelli si appresta a vivere il suo secondo anno come fornitore unico per il campionato di F1 e ha presentato recentemente le nuove coperture studiate per la stagione 2012. L'intento è quello di migliorare lo spettacolo in pista, e di ridurre il gap di prestazioni tra le diverse mescole.

Le gomme da asciutto sono quelle che hanno subito maggiori modifiche, a cominciare dall'aspetto, ora più squadrato che in passato, per ottenere un consumo più omogeneo. Ma non è tutto, tutte le mescole sono state rese più morbide rispetto a quelle della stagione passata, e sono state realizzate con il fine di prolungarne la durata.

L'obiettivo è quello di diminuire le differenze sui tempi in modo significativo, passando dal gap di 1,2-1,8 secondi al giro tra una gomma e l'altra, verificato nel 2011, a una più accettabile perdita cronometrica di 0,6-0,8 decimi ad ogni tornata. Per le gomme da bagnato invece, ritorna il marchio Cinturato, una sigla storica per la Pirelli, reintrodotta già da alcuni anni per le coperture stradali.

Infine, l'ultimo aspetto da sottolineare è la grafica rinnovata con colorazioni più accentuate che consentono di identificare rapidamente le tipologie di gomme montate sulle diverse monoposto.

Se vuoi aggiornamenti su F1: PRESENTATE LE NUOVE COPERTURE 2012 inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Valerio Verdone | 25 gennaio 2012

Vedi anche

Mondiale Rally 2017: a Montecarlo vince Ogier

Mondiale Rally 2017: a Montecarlo vince Ogier

Il campione del mondo in carica passa alla Ford e trionfa al debutto.

Rally: tragedia a Montecarlo, muore uno spettatore

Rally: tragedia a Montecarlo, muore uno spettatore

Hayden Paddon al volante della sua Hyundai è stato protagonista di un terribile incidente che ha provocato a morte di uno spettatore.

Il motorsport dice addio a Mario Poltronieri

Il motorsport dice addio a Mario Poltronieri

Il popolarissimo telecronista della F.1 è scomparso ieri a 87 anni nella sua abitazione di Milano. Una vita a tu per tu con l'automobilismo sportivo.