GP Suzuka: Button vince ma Vettel è campione

A Suzuka vince un Button fresco di rinnovo con la McLaren seguito da Alonso. Al campione in carica Vettel basta un terzo posto per riconfermarsi.

Nulla, o poco di nuovo sotto il Sol (levante). Al volante della sua McLaren Jenson Button ha vinto il Gran Premio del Giappone sul circuito di Suzuka davanti alla Ferrari di Fernando Alonso. Terza la Red Bull di Sebastian Vettel che si laurea matematicamente campione del mondo per la seconda volta consecutiva.

Un solo punto era sufficiente per il tedeschino che ha provato ancora una volta a vincere la gara, ma si è trovato contro la concorrenza di una McLaren supercompetitiva e anche una Ferrari molto migliorata. Quarta la Red Bull di Mark Webber, decisamente rallentata in finale da un plateale ordine di scuderia davanti alla McLaren di Lewis Hamilton ed alla Mercedes di Michael Schumacher.

Settima la Ferrari di Felipe Massa che ancora una volta è venuta a collisione con Hamilton. "Per le vibrazioni degli specchietti non l'ho visto, e mi scuso" ha commentato il pilota della McLaren che comincia a preoccupare per la serie di incidenti che provoca in continuazione. Hamilton ha preceduto la Sauber di Sergio Perez e la Renault di Vitaly Petrov. In zona punti la Mercedes di Nico Rosberg. Diciannovesimo posto per la Lotus di Jarno Trulli, mentre l'altro italiano su Hispania Racing Vitantonio Liuzzi è finito ultimo. 

Uno splendido quanto atteso risultato per il tedesco, più giovane bi-campione della storia. "E' difficile dire qualcosa - ha affermato il tedesco in conferenza stampa - E' stato un anno lungo, fantastico e ancora non è finito. Oggi non è stato facile, non eravamo così veloci, ho perso due posizioni. Era difficile riuscire a passare Fernando. E' stato un risultato molto bello, vincere qua è fantastico. Ci sarebbero molte cose da dire ma è difficile ricordare. Devo ringraziare tutte le persone che hanno contribuito al successo, a tutti coloro che hanno lavorato con me. Fantastico riuscire a raggiungere già oggi l'obiettivo che ci eravamo posti all'inizio. Siamo stati tutti vicini e noi siamo riusciti a vincere".

Stupenda la gara di Fernando Alonso che è riuscito a piazzarsi alle spalle del vincitore Jenson Button e soprattutto a lasciare dietro il campione del mondo Sebastian Vettel. "Congratulazioni a Sebastian - ha detto lo spagnolo in conferenza stampa - Per quanto riguarda la corsa è stata divertente fin dalla partenza, la strategia è stata importante, abbiamo scelto il momento giusto per cambiare le gomme e il secondo posto è un ottimo risultato". Ed è giusto ricordare che la Ferrari, conqueste condizioni di temperatura e asfalto, è riuscita a far lavorare meglio del solito le gomme meno soffici, e questo spiega la grandissima prestazione del ferrarista, che nelle fasi finali è riuscito a contenere il forcing di Vettel e ha addirittura fatto un pensierino di attaccare il leader della gara.

Jenson Button è stato ancora una volta impeccabile. E' riuscito come al solito ad utilizzare al meglio i pneumatici e approfittando del pit stop di Vettel è riuscito ad andare al comando. E nella ripartenza, dopo la safety car, per non farsi sorprendere dal campione del mondo in carica, ha rallentato e poi è scattato al comando della gara. Ancora gli bruciava quello scatto al via, quando Vettel, partito meno bene, lo aveva stretto a destra portandolo quasi sull'erba, al limite del regolamento. "Hei Sebastian, ma non mi avevi visto al via..." pare abbia commentato prima di salire sul podio. Dove alzando più in alto di tuttiil trofeo del vincitore ha certamente cancellato quell'episodio da brivido.

Se vuoi aggiornamenti su GP SUZUKA: BUTTON VINCE MA VETTEL È CAMPIONE inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Leopoldo Canetoli | 10 ottobre 2011

Vedi anche

DIRETTA GP di Russia: podio Rosso

DIRETTA GP di Russia: podio Rosso

La Ferrari corre bene e gira più forte della Mercedes. Grande gara di Bottas. Hamilton anomalo.

GP di Russia, qualifiche: prima fila Rossa

GP di Russia, qualifiche: prima fila Rossa

Cambiano pian piano le forze del Campionato, male Hamilton e le Red Bull.

Mini Challenge 2017: tutte le novità del campionato monomarca

Mini Challenge 2017: tutte le novità del campionato monomarca

Il Mini Challenge 2017 porta in dote una serie di novità e viene celebrato con il debutto di una Mini a tiratura limitata di sei esemplari.