BMW: il 2010 anno d'oro con 3,23 mld di utile netto

Davvero positivo il 2010 per la Casa di Monaco, che realizza il miglior utile netto della sua storia.

BMW Vision ConnectedDrive

Altre foto »

Bmw fa il punto sul 2010: l'anno passato si è chiuso per la Casa con utile netto di 3,23 miliardi di euro, contro i 210 milioni del 2009. Il risultato, andato ben oltre le previsioni degli analisti finanziari che prevedevano un utile per 2,9 miliardi, è il migliore in assoluto per il Gruppo tedesco.

I ricavi sono aumentati del 19,3%, raggiungendo i 60,48 miliardi di euro, e le vendite a livello globale sono cresciute del 13,6%, per un totale di 1,46 milioni di veicoli.

Il merito del risultato va senz'altro al successo di modelli come la nuova Mini Coutryman e come la Bmw Serie 5, ma soprattutto alla forte espansione dei mercati giovani di grandi paesi emergenti asiatici e sudamericani. Le vendite in Cina sono cresciute lo scorso anno dell'85%, e aumenti a due cifre si sono visti anche in Russia, India e Brasile.

Il management ha annunciato un aumento del suo dividendo annuale da 0,30 euro a 1,30 euro per ogni azione e la Bmw non intende puntare più in basso per il 2011: «Abbiamo fissato come target un record di vendite a oltre 1,5 milioni di veicoli».

Se vuoi aggiornamenti su BMW inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Eleonora D'Uffizi | 10 marzo 2011

Altro su BMW

Bmw aggiorna la gamma sportiva di Serie 4
Anteprime

Bmw aggiorna la gamma sportiva di Serie 4

Novità di dettaglio al corpo vettura ma di rilievo nella dotazione di bordo; motorizzazioni confermate per Serie 4 Coupé, Cabrio e Gran Coupé.

Car Sharing: con DriveNow arrivano le Bmw i3
Ecologiche

Car Sharing: con DriveNow arrivano le Bmw i3

Il car sharing premium della Casa dell’elica dedicato alla città di Milano si arricchisce con le vetture elettriche Bmw i3.

Trump contro Bmw: maxi tassa se non produrrà negli Usa
Cronaca

Trump contro Bmw: maxi tassa se non produrrà negli Usa

Il 45° presidente degli Stati Uniti "invita" Bmw a costruire vetture negli Usa anziché in Messico: pena un dazio di importazione pari al 35%.