Brasile: a gennaio crollano le vendite

I dati sulle vendite auto in Brasile mostrano un gennaio in forte calo rispetto a dicembre, ma in recupero su gennaio 2010.

Dopo essere diventato il quarto mercato automobilistico al mondo, in Brasile crollano le vendite di veicoli: confrontando i dati di gennaio con quelli dello mese di dicembre del 2010, si nota una diminuzione del 35,8% (quasi 245.000 contro oltre 381.000). Un po' meglio alle cifre riferite alla produzione, che ha comunque segnato un meno 9,1%.

Le percentuali - che si riferiscono ai veicoli nuovi - sono state comunicate da Anfavea, l'associazione nazionale dei costruttori di veicoli a motore.

Come sempre, i dati vanno analizzati e vanno considerati in due direzioni: la prima è che il livello delle vendite di dicembre scorso fu il più alto mai registrato nella storia del paese.  La seconda e che le cifre di gennaio sono comunque in crescita del 14,8% rispetto a quelle dello stesso mese dell'anno scorso.

In ogni caso, nulla è perduto visto la Anfavea prevede che in tutto il Brasile le immatricolazioni 2011 vadano a ritmo di samba e superino quelle dell'interno 2010: 3,69 contro 3,52 milioni.

Se vuoi aggiornamenti su BRASILE: A GENNAIO CROLLANO LE VENDITE inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 07 febbraio 2011

Vedi anche

Suzuki: raggiunta quota tre milioni nello stabilimento di Esztergom

Suzuki: raggiunta quota tre milioni nello stabilimento di Esztergom

Magyar Suzuki Corporation, inaugurata nel 1991, celebra la Suzuki "numero tre milioni": è una S-Cross. Esportazioni in più di cento Paesi.

Mercato auto: l’Europa cresce a doppia cifra

Mercato auto: l’Europa cresce a doppia cifra

Marzo 2017 con il segno più: l’immatricolato cresce del 10,9% nei Paesi UE e del 18,2% in Italia. Fca è al quinto posto nella top ten europea.

Tesla in Borsa supera anche General Motors

Tesla in Borsa supera anche General Motors

Dopo il clamoroso sorpasso della scorsa settimana su Ford, il titolo Tesla supera anche un altro colosso quale General Motors.