Mazda 2 Sedan: bye bye Australia

Dopo appena 8 mesi dal lancio commerciale viene ritirata dal mercato australiano la Mazda 2 in versione Sedan a 4 porte.

A Montecarlo con la Mazda 2 Facelift 2011

Altre foto »

La Mazda 2, la piccola berlina 4 porte della Casa giapponese, è stata tolta dal listino in tutto il territorio australiano ad appena 8 mesi dal lancio. Il motivo? Il costruttore nipponico ha deciso di spostare dalla Tailandia a Hiroshima la produzione della versione destinata al mercato della terra dei canguri, che sarà invece venduta altrove.

Mazda ha spiegato che il cambiamento è dovuto al fatto che questo modello sta riscuotendo successo nel sudest asiatico ma non in Australia e che non era più economicamente sostenibile approvvigionare adeguatamente il mercato di quel Paese. Qui, il portavoce della Casa nipponica ha riferito che l'azienda non crede che la scomparsa dal mercato di una berlina 4 porte porti un danno al brand dato che era la versione a 5 porte (in sostanza con portellone posteriore) a essere più gradita dalla clientela.

Per questo motivo, per riprendersi da un malcelato flop commerciale, sul mercato austrialiano è in arrivo a partire da questo mese una versione rinnovata della Mazda 2 in versione due volumi  e con colori totalmente nuovi, stesso motore da 1,5 litri e 103 CV in abbinbamento a cambio manuale o automatico.

Se vuoi aggiornamenti su MAZDA MAZDA2 inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 01 febbraio 2011

Altro su Mazda Mazda2

Mazda 2 Skyactiv-D: la prova su strada
Prove su strada

Mazda 2 Skyactiv-D: la prova su strada

Al volante della piccola della Casa di Hiroshima con il 1.5 a gasolio

Mazda 2: ammiraglia compatta
Ultimi arrivi

Mazda 2: ammiraglia compatta

La piccola di casa Mazda convince per qualità, dotazione e tecnologia,caratteristiche tipiche di vetture di segmento superiore.

Mazda2 1.5 105 CV Skycactiv-D, primo contatto
Ultimi arrivi

Mazda2 1.5 105 CV Skycactiv-D, primo contatto

Quanto consuma la nuova Mazda 2 diesel 105 cavalli? Per scoprirlo abbiamo partecipato – e vinto – ad una gara molto particolare.