Cina e India: nel 2011 le vendite caleranno

Secondo GM, nel 2011 in Cina e in India il boom delle vendite di auto si sgonfierà vistosamente.

Il costruttore statunitense General Motors ritiene che in Cina i ritmi di vendita delle automobili non possano continuare ad avere i ritmi di crescita attuali che hanno portato il Paese a essere il primo mercato mondiale in quanto a immatricolazioni. Stesso discorso per l'India, altro popoloso Stato in cui le 4 ruote circolano sempre più numerose.

La previsione che fa l'azienda di Detroit - attualmente numero 2 mondiale dietro a Toyota in quanto a vendite - si riferisce proprio al 2011. A suffragare questa ipotesi ci sono delle analisi approfondite che hanno valutato i motivi che hanno portato la Cina sul gradino più alto del podio: incentivi statali, migliori condizioni economiche generali e produttori che si fanno in quattro per lanciare i propri modelli nel paese dei mandarini.

"Tutto ciò non può continuare così anche quest'anno" ha spiegato Tim Lee, presidente di GM. "O meglio: crescita sì, ma non ai ritmi del 32% (in Cina) e del 31% (in India). Io penso che una crescita del 10-15% delle immatricolazioni sia più plausibile per entrambi gli Stati. In Cina si pagheranno soprattutto due cose: la fine dei finanziamenti statali all'acquisto di modelli di piccola cilindrata e la limitazione alle vendite imposta dai comuni di Shanghai e di Pechino in ottica anti-traffico, misure che presto saranno seguite da altre metropoli".

Diverso, secondo Tim Lee, il caso dell'India dove l'aumento dei tassi di interesse bancario faranno da deterrente per molti cittadini, che rimanderanno a tempi migliori l'acquisto dell'auto.

Se vuoi aggiornamenti su CINA E INDIA: NEL 2011 LE VENDITE CALERANNO inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 27 gennaio 2011

Vedi anche

Mercato Europa: a gennaio +10,1%, bene FCA

Mercato Europa: a gennaio +10,1%, bene FCA

Il mercato auto europeo inizia molto bene il 2017, portando una crescita a due zeri alla maggior parte dei Gruppi automobilistici.

Psa interessata all

Psa interessata all'acquisizione di Opel?

Il Gruppo francese (Peugeot, DS, Citroen) potrebbe trattare con General Motors per rilevare Opel.

Alfa Romeo Giulia Sportwagon: cancellata la produzione

Alfa Romeo Giulia Sportwagon: cancellata la produzione

I dirigenti Alfa hanno bocciato la Giulia Sportwagon, che quindi non arriverà mai sul mercato. Il marchio punta sul nuovo SUV Stelvio.