Anche le “medie” ripartono con gli incentivi

Grazie alle offerte delle Case anche le vetture di categoria superiore ora sono più vantaggiose sulla scia degli incentivi alla rottamazione

Qualche automobilista nostrano, in vista degli incentivi per le rottamazioni, si è lamentato sostenendo che queste norme favoriscono solo le vetture piccole e non le auto di tutte le categorie, come invece avviene in altre nazioni europee, leggi Germania. Ma andando presso i concessionari ci si accorge che questi incentivi stanno rimettendo in moto anche gli acquisti di vetture medie e Suv tanto da far prevedere, da parte del Centro Studi Promotor e dell'Unrae un marzo tutto positivo.

Di certo i prezzi compatti attraggono di più le city cars e le piccole, ma molte Case, aggiungendo i loro contributi, sostengono anche il resto della domanda che in proporzione costituisce il 70% del mercato. E' chiaro comunque che grazie alle motorizzazioni bi-fuel benzina-gas i contributi statali si vanno a sommare alle promozioni che le Case hanno previsto per modelli più costosi. In sintesi l'opportunità offerta dagli ecoincentivi sta avendo, in parte, un effetto richiamo per quelle auto di livello superiore che sembravano sempre più lontane.

Ecco quindi che la Fiat Multipla 1.6 Natural Power a metano scende da 22.700 a 19.000 euro, la Ford C-Max 1.6 TDCi o Gpl da 21.100 a 15.750 euro. Dicevamo auto medie, ma anche Suv: lo Hyundai Tucson Gpl tra incentivi e contributi scende da 23.490 a 17.990 euro, come l'elegante Lexus RX400h ibrido che da 55.700 euro passa a 49.900. E rimanendo nel campo delle ibride da sottolineare che la nuova Toyota Prius scende da 26.100 a 21.100 euro.

Sul mercato italiano abbiamo anche la Lancia Delta 1.6 Multijet DPF che da 23.900 scende a 20.900 euro, da quello francese la Peugeot 407 1.6 HDI scende da 24.300 a 18.600 euro, e la Renault Mégane Grandtour 1.5 va in vendita a 14.950 euro. Altri esempi: la Mitsubishi Lancer 1.5 Gpl scende da 19.650 a 16.650, la Seat Altea 1.6 Gpl da 19.850 a 15.340, la Opel Zafira a metano scende a 18.550 euro.

Se vuoi aggiornamenti su ANCHE LE “MEDIE” RIPARTONO CON GLI INCENTIVI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Leopoldo Canetoli | 24 marzo 2009

Vedi anche

Cina, Fca interrompe la produzione dei modelli Viaggio e Ottimo

Cina, Fca interrompe la produzione dei modelli Viaggio e Ottimo

Stop alla produzione di Fiat Viaggio e Ottimo, modelli di segmento C su pianale Giulietta nati dalla joint venture Fca–Gac: si punta tutto su Jeep?

Dieselgate: indagine francese sul Gruppo FCA

Dieselgate: indagine francese sul Gruppo FCA

Dopo la diffusione del primo lancio di agenzia Il titolo del Gruppo FCA ha registrato una calo del 3,8%.

Mercato Auto: a febbraio rallenta la crescita, bene FCA

Mercato Auto: a febbraio rallenta la crescita, bene FCA

Il mercato auto rallenta la sua crescita nel mese di febbraio, ma Italia e il Gruppo FCA continuano a macinare ottimi risultati.