Anfia: calano vendite e ordinativi di auto

Secondo l'associazione della filiera automobilistica, nel 2010 caleranno sia le vendite di auto sia (soprattutto) gli ordinativi

L'Associazione Nazionale della Filiera dell'Industria Automobilistica (Anfia) ha denunciato ieri il drammatico calo di vendite che colpirà l'Italia nel 2010, con circa 1,9 milioni di auto immatricolate contro una media di 2,25 milioni fatta registrare negli ultimi 10 anni. La notizia non farà certo piacere agli oltre 1,2 milioni di lavoratori al servizio delle 3.500 aziende del settore, che denunciano cali delle vendite del 2,5% e ordinativi scesi fino al 24% rispetto al 2009.

"Il trend negativo - ha detto il presidente Anfia, Eugenio Razelli - continuerà anche nell'ultimo trimestre di quest'anno, innescato dall'esaurimento del portafoglio degli ordini accumulato 12 mesi fa grazie agli ecoincentivi governativi". Cosa potrebbe far vedere la fine del tunnel? La prima cosa è il ritorno della fiducia dei consumatori, unico elemento che potrebbe far risalire la domanda.

"Il settore dell'auto - ha aggiunto Razelli - è una filiera chiave per il Paese, visto che impiega un lavoratore su 20". Da aprile a settembre, il mercato ha riportato sempre flessioni a due cifre nel campo delle vendite con agosto che ha fatto registrare un meno 19,3% (sullo stesso mese del 2009) molto preoccupante.

Guardando all'Europa, invece, il 2010 si chiuderà con un calo medio del 10% con la maglia nera riservata alla Germania, che segna -26%, cui fa da contraltare il buon andamento della Francia con -8% sul 2009 grazie alla proroga degli incentivi statali.

Se vuoi aggiornamenti su ANFIA: CALANO VENDITE E ORDINATIVI DI AUTO inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 28 settembre 2010

Vedi anche

Mercato Europa: a gennaio +10,1%, bene FCA

Mercato Europa: a gennaio +10,1%, bene FCA

Il mercato auto europeo inizia molto bene il 2017, portando una crescita a due zeri alla maggior parte dei Gruppi automobilistici.

Psa interessata all

Psa interessata all'acquisizione di Opel?

Il Gruppo francese (Peugeot, DS, Citroen) potrebbe trattare con General Motors per rilevare Opel.

Alfa Romeo Giulia Sportwagon: cancellata la produzione

Alfa Romeo Giulia Sportwagon: cancellata la produzione

I dirigenti Alfa hanno bocciato la Giulia Sportwagon, che quindi non arriverà mai sul mercato. Il marchio punta sul nuovo SUV Stelvio.