Mercato auto: un'estate da dimenticare

Germania, Francia, Gran Bretagna, Spagna e Italia registrano forti perdite nei mesi estivi. Filipponi (Unrae): "Paghiamo la fine degli incentivi"

Il mercato dell'auto è in caduta libera in tutta Europa. A snocciolare gli ultimi dati preoccupanti questa volta è Unrae, l'unione nazionale dei rappresentanti di veicoli esteri, che ha evidenziato la forte flessione nei mesi di luglio e agosto.

Una flessione che è stata riscontrata in tutti i principali paesi del vecchio continente. Senza distinzioni particolari, chi più chi meno, tutti ne escono con le ossa rotte: in luglio il calo complessivo è stato del 17,9% per complessive 1.068.433 immatricolazioni, in agosto del 12,1% (731.503 unità), valori che evidenziano una diminuzione nei primi 8 mesi dell'anno pari al 3%. 

In Germania che all'inizio degli incentivi si era registrato un boom considerevole nelle immatricolazioni, la flessione è stata del 30,2% in luglio e del 27% in agosto. Rispetto all'anno precedente il calo si è fermato al 28,7%. Le cose vanno leggermente meglio in Francia dove la diminuzione si è attestata al 12,8% (luglio) e 7,9% (agosto), per un bilancio da gennaio ad agosto a segno positivo, seppur di poco (+2%).

In Gran Bretagna il mercato ha registrato perdite del 13,2% in luglio e del 17,5% in agosto, ma con un bilancio degli 8 mesi del 2010 a segno più (13,2%). In Spagna infine sono state immatricolate in luglio 82.167 vetture, con una flessione del 24,1% e del 23,8% in agosto, quando le immatricolazioni sono state 44.578. I valori sui primi sei mesi dell'anno però si mantengono ancora positivi (+21,9%). Pessima la performance dell'Italia che in luglio ha registrato una flessione del 25,7% e in agosto del 19,3% (qui gli altri dati Unrae sul mercato nazionale).

"In questo quadro negativo generale - spiega Gianni Filipponi, Direttore Generale dell'Unrae - il mercato italiano conferma la sua estrema debolezza, con un andamento contrattuale che a fine anno porterà alla perdita di circa 650.000 contratti rispetto al 2009 e a un minor gettito Iva per le casse dello Stato, che noi valutiamo attorno ai 2 miliardi di euro".

La causa di questo tracollo è presto spiegata: la fine degli incentivi. Secondo Filipponi "i grandi mercati europei dell'automobile hanno tutti registrato in luglio e agosto pesanti flessioni da una parte a causa della fine degli incentivi praticamente in tutti i principali Paesi; dall'altra a causa della lentissima uscita dalla crisi economica che non mette famiglie e aziende ancora in condizione di affrontare un acquisto così importante quale l'automobile".

Se vuoi aggiornamenti su MERCATO AUTO: UN'ESTATE DA DIMENTICARE inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Lorenzo Stracquadanio | 16 settembre 2010

Vedi anche

Mercato auto: l’Europa cresce a doppia cifra

Mercato auto: l’Europa cresce a doppia cifra

Marzo 2017 con il segno più: l’immatricolato cresce del 10,9% nei Paesi UE e del 18,2% in Italia. Fca è al quinto posto nella top ten europea.

Tesla in Borsa supera anche General Motors

Tesla in Borsa supera anche General Motors

Dopo il clamoroso sorpasso della scorsa settimana su Ford, il titolo Tesla supera anche un altro colosso quale General Motors.

Tesla: in borsa vale più di Ford

Tesla: in borsa vale più di Ford

Il mercato scommette sul Costruttore californiano di auto elettriche che con la futura Model3 promette di rivoluzionale il settore automotive.