Ferrari: Fiat punta a salire al 90%

Il Gruppo Fiat è interessato al 5% del pacchetto azionario Ferrari oggi in mano a un fondo degli Emirati. Così il Cavallino ritornerà tutto italiano

La Ferrari potrebbe tornare a essere al 100% in mani italiane: è infatti in corso una trattativa fra i vertici Fiat e gli sceicchi di Mubadala, il fondo sovrano di Abu Dhabi che detiene il 5% delle azioni dell'azienda.

Il 31 luglio scorso, infatti, era scaduto il periodo entro il quale il gruppo torinese avrebbe potuto esercitare l' "opzione call" posseduta dall'emirato: questa misura prevedeva che la Fiat potesse rientrare in possesso del 5% di Ferrari al prezzo fissato in 302,7 euro ad azione.

Se tutto andrà in porto, la Casa di Maranello tornerà ad essere completamente italiana, visto che il 90% apparterrà al Gruppo Fiat (che ad oggi possiede l'85%) e il restante 10% a Piero Lardi Ferrari, vicepresidente del Cavallino rampante nonché figlio dell'indimenticabile Enzo.

Altre voci, non confermate, affermano che l'erede di casa Ferrari ambirebbe ad incrementare la propria quota azionaria e che, per questo, il Lingotto potrebbe cederne qualcuna a suo favore.

Se vuoi aggiornamenti su FERRARI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 15 settembre 2010

Altro su Ferrari

Ferrari 488 GTB by Liberty Walk
Tuning

Ferrari 488 GTB by Liberty Walk

Dal Giappone arriva un’interessante interpretazione della Ferrari 488 GTB firmata dal tuner Liberty Walk.

Ferrari J50: 10 esemplari solo per il Giappone
Anteprime

Ferrari J50: 10 esemplari solo per il Giappone

Una fuoriserie per celebrare i 50 anni del Cavallino Rampante nel paese del Sol Levante.

Ferrari 488 Challenge: versione racing da 670 cavalli
Motorsport

Ferrari 488 Challenge: versione racing da 670 cavalli

Presentata a Daytona la nuova Ferrari 488 Challenge da 670 CV: sarà impiegata nell'edizione numero 25 del monomarca di Maranello.