Fiat: evviva il TwinaAir, ma la crisi non è finita

La previsione fosca è di Lorenzo Sistino, Ad Fiat Automobiles, avvenuta a margine della presentazione della nuova Fiat 500 TwinAir

Il mercato dell'automobile soffrirà anche nel secondo semestre del 2010 confermando la flessione riscontrata nella prima parte dell'anno (ultimi i dati di giugno). Insomma niente di nuovo sul fronte della crisi.

A fare l'ennesima previsione a tinte fosche è stato Lorenzo Sistino, amministratore delegato di Fiat Automobiles, che a margine della presentazione del nuovo motore twinair (che debutterà anche sulla Fiat 500 a settembre) ha voluto fare delle considerazioni sull'andamento delle vendite in Italia.

"Il mese scorso le immatricolazioni sono calate del 19-20% - ha detto Sistino - e non ci sono motivi perché questa tendenza di mercato cambi nel secondo semestre". Entro la fine di quest'anno quindi secondo Sistino saranno immatricolate  complessivamente "1 milione e 900.000 auto contro le 2 milioni e 160.000 dell'anno scorso".

Flessione che ha comunque interessato anche altri Paesi del Vecchio continente come la Germania dove è stato registrato un forte calo. Uniche eccezioni, se così si possono definire, Spagna e Belgio, dove l'andamento è a segno positivo condizionato dalla presenza degli incentivi, ormai un lontano ricordo per il Bel Paese.

Se vuoi aggiornamenti su FIAT inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Lorenzo Stracquadanio | 07 luglio 2010

Altro su FIAT

Fiat 124 Spider America: prezzi da 34.900 euro
Ultimi arrivi

Fiat 124 Spider America: prezzi da 34.900 euro

Fiat celebra la storia della 124 Spider con la serie speciale America dedicata allo sbarco della vettura originale negli USA.

FCA: un bonus per i buoni risultati
Attualità

FCA: un bonus per i buoni risultati

Dopo il bilancio del 2016 è scattato il premio per i dipendenti italiani. Nel 2017 si potrebbe replicare!

Fiat Tipo Sedan: gira il mondo senza problemi!
Attualità

Fiat Tipo Sedan: gira il mondo senza problemi!

41.000 km percorsi in 22 paesi, partendo dalla Turchia dove l’auto viene costruita.