Geely: dal 2015 150.000 Volvo vendute in Cina

Dopo l'acquisto di Volvo, il costruttore Geely si è posta l'obiettivo di vendere 150.000 Volvo ogni anno in Cina

A tre mesi dall'acquisto di Volvo, il costruttore Geely rende noti gli obiettivi di vendita dell'ex marchio svedese nel territorio cinese: entro il 2015, ha detto un portavoce aziendale, si dovrebbe marciare al ritmo di 150.000 unità comemrcializzate ogni anno.

Particolare impulso alle vendite arriverà dalla Volvo XC60, la sport utility che sarà costruita direttamente in loco a partire dalla fine di quest'anno, seguita dalla Volvo S60 nel 2011.

Per raggiungere questi obiettivi, però, Geely deve scegliere al più presto il luogo adatto dove far sorgere questo nuovo stabilimento. Le città rimaste in lizza dopo la scrematura iniziale sono Shanghai, Chengdu (nella parte sudorientale della Cina) e Ningbo, più a est.

La S40 e la S80 sono invece già oggi costruite nello stabilimento nato dallla collaborazione -  che però sarà interrotta a partire dal 2012 - tra Changan, Ford e Mazda. Geely, lo ricordiamo, aveva acquistato la Volvo a fine marzo, rilevandola da Ford al prezzo di 1,3 miliardi di euro.

Se vuoi aggiornamenti su VOLVO inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 28 giugno 2010

Altro su Volvo

Volvo Serie 90: aggiornamenti powertrain, multimediali e di sicurezza
Tecnica

Volvo Serie 90: aggiornamenti powertrain, multimediali e di sicurezza

Novità per Volvo S90 e V90, XC90 e V90 Cross Country: debuttano nuove trasmissioni, sistemi di guida predittiva e infotainment.

Volvo Concierge, servizi a domicilio per S90 e XC90
Curiosità

Volvo Concierge, servizi a domicilio per S90 e XC90

I servizi di concierge integrati nella piattaforma mobile Volvo On Call saranno dedicati a 300 proprietari di Volvo S90 e XC90.

Lynk & Co: il teaser del nuovo marchio Geely-Volvo
Anteprime

Lynk & Co: il teaser del nuovo marchio Geely-Volvo

Il colosso cinese Geely produrrà una inedita gamma di veicoli, basati sulla piattaforma modulare CMA, da destinare anche all'Europa.