Volkswagen: ora è il momento della Cina

Visto l'incremento di vendite in Cina (più 40% a maggio), VW punta a investire nel paese e a diventare (nel 2018) il primo produttore di auto

Volkswagen punta in maniera decisa sul mercato cinese, con il duplice obiettivo di raggiungere i 2 milioni di auto vendute nel 2010 e di aprire 4 stabilimenti nel giro di pochi anni.

Un investimento notevole che Winfred Vahland, capo delle operazioni nel paese asiatico, ha giustificato dicendo che a fine anno il fatturato crescerà del 20% rispetto al 2009, confermando il paese della Grande Muraglia al vertice per numero di vendite e in grado di generare un utile di 700 milioni di euro su un fatturato che è stato di 20 miliardi di Euro, per 1,4 milioni di auto vendute.

Il vertice del brand Volkswagen, che comprende anche Audi, Seat, Bentley e Skoda, non nasconde che il suo obiettivo di lungo termine sia quello di superare Toyota e diventare il primo marchio automobilistico al  mondo con 10 milioni di unità annue entro il 2018.

Intanto gli ultimo dati di maggio mostrano che Audi, a maggio, ha fatto registrare un più 15% nelle vendite, grazie soprattutto al mercato cinese che da solo è arrivato ad assorbire 17.396 auto, pari al 40% in più rispetto allo stesso mese del 2009.

Se vuoi aggiornamenti su VOLKSWAGEN inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 08 giugno 2010

Altro su Volkswagen

Volkswagen: altri 4,3 miliardi di dollari per il dieselgate
Attualità

Volkswagen: altri 4,3 miliardi di dollari per il dieselgate

Dopo i 15 miliardi di giugno altri 4,3 miliardi per uscire dallo scandalo

Volkswagen Tiguan Allspace: debutta al Salone di Detroit
Anteprime

Volkswagen Tiguan Allspace: debutta al Salone di Detroit

Al NAIAS l'inedita versione a passo lungo e tre file di sedili che prepara il debutto negli Usa della Tiguan recentemente rinnovata in Europa.

Volkswagen ID Buzz Concept al Salone di Detroit 2017
Concept

Volkswagen ID Buzz Concept al Salone di Detroit 2017

L’erede spirituale del mitico Bulli vanta una sofisticata meccanica elettrica e risulta dotato dell’ormai immancabile guida autonoma.