Aprile dolce dormire... degli acquirenti auto

Finito l'effetto incentivo, ad aprile calano sia le immatricolazioni di auto nuove sia gli ordinativi

Come si era paventato il mese scorso, ad aprile si prevede in Italia un calo del 20% delle immatricolazioni di nuove auto, rispetto alle 190.000 unità dello stesso mese del 2009. Ancora peggio dovrebbero fare gli ordinativi, previsti in diminuzione del 27% rispetto alle 207.000 unità di 12 mesi prima.

Su base annua i circa 150.000 nuovi ordini di aprile corrispondono a 1,6 milioni di unità, cifra pressappoco uguale a quella degli ordinativi.

La dinamica odierna sembra comunque leggermente migliore rispetto alle previsioni Fiat, che ritiene che nei restanti nove mesi del 2010, tra aprile e dicembre, il mercato italiano dell'auto subirà una flessione del 30% anno su anno. Sempre in tema di previsioni, Unrae (l'associazione che raggruppa i rappresentanti delle case automobilistiche estere in Italia) ritiene che da questo mese in poi si inizieranno a registrare dati negativi.

Per il mercato europeo dell'auto, il Lingotto stima invece un calo per il periodo aprile-dicembre 2010 pari al 15% anno su anno.

Se vuoi aggiornamenti su APRILE DOLCE DORMIRE... DEGLI ACQUIRENTI AUTO inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 28 aprile 2010

Vedi anche

Dieselgate: indagine francese sul Gruppo FCA

Dieselgate: indagine francese sul Gruppo FCA

Dopo la diffusione del primo lancio di agenzia Il titolo del Gruppo FCA ha registrato una calo del 3,8%.

Mercato Auto: a febbraio rallenta la crescita, bene FCA

Mercato Auto: a febbraio rallenta la crescita, bene FCA

Il mercato auto rallenta la sua crescita nel mese di febbraio, ma Italia e il Gruppo FCA continuano a macinare ottimi risultati.

Volkswagen e Tata: prove di una nuova alleanza strategica

Volkswagen e Tata: prove di una nuova alleanza strategica

Il Gruppo tedesco e il colosso indiano hanno firmato un memorandum d’intesa che anticipa una partnership per lo sviluppo di componenti e nuovi modelli