Giappone, +47,9% le vendite di Toyota

Nonostante i richiami di molte auto, le case giapponesi aumentano le vendite per il settimo mese di fila. Boom Toyota, con +47,9%

Nonostante i problemi dei richiami di auto Toyota e di altre marche nipponiche, in Giappone il mese di febbraio si è chiuso con un notevole incremento nelle vendite di auto. In base ai dati dell'Associazione giapponese delle concessionarie (Jada), il settore è infatti cresciuto del 35,1% rispetto allo stesso mese del 2009, fino a raggiungere quota 294.887 unità. E si tratta del settimo mese cosnecutivo in cui ciò avviene, segno che il settore è in ripresa.

Ancora meglio è andato al marchio Toyota, che nonostante i problemi degli ultimi mesi che hanno visto il richiamo di milioni di veicoli in tutto il mondo ha segnato un +47,9% pari a 146.145 vendite. Da quest'ultimo computo vanno esclusi i marchi Daihatsu e Lexus.

Contrariamente a quanto si pensava solo 1 anno fa, le vendite delle miniauto (sotto i 660 cc) hanno avuto un incremento inferiore rispetto a quello delle medie e delle grandi che hanno continuato la marcia con aumento a due cifre percentuali.

La crescita più significativa è stata fatta dalla Mitsubishi Motors, che a febbraio ha venduto 6.000 auto pari a un +54,6% rispetto a 12 mesi prima. Crescita anche per Mazda (+43,7%), Honda (+36,2) e Nissan (+17,8).

Se vuoi aggiornamenti su GIAPPONE, +47,9% LE VENDITE DI TOYOTA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 01 marzo 2010

Vedi anche

Mercato auto Europa in crescita del 6,5% nel 2016

Mercato auto Europa in crescita del 6,5% nel 2016

Il mercato europeo dell’auto continua la sua crescita, trainata da FCA che continua a salire con una velocità a due cifre.

Hyundai: immatricolazioni da record in Italia

Hyundai: immatricolazioni da record in Italia

La Casa coreana supera nel 2016 per la prima volta le 56mila vetture consegnate.

Gruppo FCA: 1 miliardo di dollari di investimenti in USA

Gruppo FCA: 1 miliardo di dollari di investimenti in USA

Scambio di ringraziamenti tra il Presidente eletto Donald Trump e Sergio Marchionne per gli investimenti del Gruppo FCA negli USA.