I marchi di lusso puntano sul Brasile

Il boom economico fa crescere gli ordini di auto straniere e supercar. Apriranno concessionarie Aston Martin, Bentley, Bugatti e Spyker

Il mercato delle supercar è pronto per salpare nel continente sudamericano. In Brasile, la forte ascesa economica degli ultimi anni ha notevolmente accresciuto la ricchezza delle classi medio-alte. I consumi si sono mossi di pari passo, mettendo in mostra un range di richieste votato a una maggiore esigenza e prestigio. Di rimando tutti i settori, compreso quello automobilistico, hanno iniziato ad offrire le loro risposte.

Secondo i dati resi noti da Anfavea, associazione che riunisce i fabbricanti locali di veicoli a motore, nel 2010 il paese verdeoro dovrebbe accogliere 530.000 nuove vetture straniere, 31.000 in più rispetto al dato del 2009. Un incremento significativo che dovrebbe verificarsi in tutti i segmenti, compresa la nicchia delle supersportive.

Rimanendo ancora una volta alle proiezioni, entro il prossimo dicembre si dovrebbero vedere sulle strade almeno 100 auto di prezzo superiore a 1 milione di real, una cifra equivalente a circa 380.000 euro. Un segnale importante, in tal senso, viene offerto dai costruttori: se fino allo scorso anno si importavano solo Ferrari, Lamborghini, Maserati e Pagani, ora sul suolo verdeoro sono pronti a fiorire concessionari Aston Martin, Bentley, Bugatti e Spyker.

Pochi esemplari di queste quattro tuote da sogno possono da sole valere quanto decine di piccole utilitarie. Per citare un esempio, con i 7.5 milioni di real richiesti per una Bugatti Veyron si possono acquistare ben 350 Fiat Mille.  

Se vuoi aggiornamenti su I MARCHI DI LUSSO PUNTANO SUL BRASILE inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Vedi anche

Cina, Fca interrompe la produzione dei modelli Viaggio e Ottimo

Cina, Fca interrompe la produzione dei modelli Viaggio e Ottimo

Stop alla produzione di Fiat Viaggio e Ottimo, modelli di segmento C su pianale Giulietta nati dalla joint venture Fca–Gac: si punta tutto su Jeep?

Dieselgate: indagine francese sul Gruppo FCA

Dieselgate: indagine francese sul Gruppo FCA

Dopo la diffusione del primo lancio di agenzia Il titolo del Gruppo FCA ha registrato una calo del 3,8%.

Mercato Auto: a febbraio rallenta la crescita, bene FCA

Mercato Auto: a febbraio rallenta la crescita, bene FCA

Il mercato auto rallenta la sua crescita nel mese di febbraio, ma Italia e il Gruppo FCA continuano a macinare ottimi risultati.