Obama: “Nessuno 'Zar' dell'auto”

Il presidente USA ha deciso di formare una task force per salvare il mercato automobilistico americano

"Non ci sarà nessuno 'Zar' dell'auto". Così ha dichiarato Barack Obama che non crede in un unico "uomo forte", capace di risollevare le sorti del mercato automobilistico americano, puntando invece su una task force di controllori.

Il neo eletto presidente degli Stati Uniti si è riferito alla recente nomina a supervisore del mercato a Timothy Geithner, segretario del Tesoro, che avrebbe il compito di controllare i prestiti accordati alle tre grandi Case automobilistiche americane. Tale incarico sarebbe affiancato dal consulente economico della Casa Bianca Lawrence Summers.

Tutto questo, però, merita il condizionale perché, nonostante l'urgenza e la dichiarazione del presidente, non si ha ancora notizia su quando Obama decida di dare il via al tandem di controllori. Intanto, oggi per Chrysler e General Motors scade il termine utile alla presentazione dei loro piani industriali, con i quali devono indicare in che modo utilizzeranno gli stanziamenti da 13,4 miliardi di dollari erogati a loro favore al termine dell'amministrazione Bush.

Tuttavia, se la General Motors non riuscisse a mettere a posto costi e debiti, allora l'intervento di Obama sarebbe quanto più urgente. Pena il rischio di bancarotta. Ma  i funzionari di Washington sono fiduciosi e affermano che: "Resteremo assieme ai Costruttori, giorno dopo giorno, così come abbiamo fatto in questi primi due mesi. Entro una settimana, riceveremo i rapporti economici delle Case, per iniziare il lavoro assieme a loro".

L'obiettivo lanciato dal governo a General Motors e Chrysler è di iniziare i piani di ristrutturazione entro la fine del mese.

Se vuoi aggiornamenti su OBAMA: “NESSUNO 'ZAR' DELL'AUTO” inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Giorgi | 18 febbraio 2009

Vedi anche

Cina, Fca interrompe la produzione dei modelli Viaggio e Ottimo

Cina, Fca interrompe la produzione dei modelli Viaggio e Ottimo

Stop alla produzione di Fiat Viaggio e Ottimo, modelli di segmento C su pianale Giulietta nati dalla joint venture Fca–Gac: si punta tutto su Jeep?

Dieselgate: indagine francese sul Gruppo FCA

Dieselgate: indagine francese sul Gruppo FCA

Dopo la diffusione del primo lancio di agenzia Il titolo del Gruppo FCA ha registrato una calo del 3,8%.

Mercato Auto: a febbraio rallenta la crescita, bene FCA

Mercato Auto: a febbraio rallenta la crescita, bene FCA

Il mercato auto rallenta la sua crescita nel mese di febbraio, ma Italia e il Gruppo FCA continuano a macinare ottimi risultati.