Peugeot diventa il primo costruttore francese nel mondo

Con una quota del mercato europeo del 7,2% e un aumento dello 0,8% Peugeot conferma il successo della sua gamma

Peugeot diventa il primo costruttore francese nel mondo

di Giuseppe Cutrone

15 gennaio 2010

Con una quota del mercato europeo del 7,2% e un aumento dello 0,8% Peugeot conferma il successo della sua gamma

Nonostante la crisi che ha piegato molti costruttori e che ha rivisto gli equilibri che fino ad un paio d’anni fa sembravano incrollabili e assodati nel mondo dell’auto, c’è chi, come Peugeot per esempio, festeggia un successo commerciale che ha consentito alla casa francese di raggiungere risultati in controtendenza rispetto all’orientamento del mercato nell’anno appena archiviato.  

I numeri, per la “casa del leone”, diventata il primo costruttore francese al mondo, parlano di una quota globale passata al 3% a fronte di una contrazione generale del 3,5%, con performance di riguardo anche sul versante europeo, dove la quota si è assestata al 7,2% con un crescita dello 0,1% rispetto all’anno precedente. Numeri positivi anche per il mercato italiano, dove la casa francese è riuscita a totalizzare 127.000 vendite facendo registrare un aumento dell’1%.[!BANNER]

Il merito di questi successi è da ricercare essenzialmente nell’accoglienza più che buona ricevuta sul mercato da alcuni dei modelli lanciati in questi anni dalla casa, come la 3008, riuscita a superare l’obiettivo di vendite prefissato, la 308 CC, venduta in 16.500 esemplari, le “rediviva” 206 Plus e il buon debutto della 5008, con già 12.000 esemplari venduti. Inoltre, le positive indicazioni per la casa transalpina arrivano anche dall’andamento delle vendite nei mercati extra-europei, come in Cina e in Turchia, dove Peugeot è cresciuta con volumi a doppia cifra pari rispettivamente al 44,8% e del 37,5%.

Per la casa francese l’obiettivo è adesso quindi quello di consolidare la propria posizione, cercando al contempo di allargare ancora di più le proprie quote nei mercati emergenti come quelli dell’America latina, dell’Asia e dell’Europa dell’est, dove sono programmati i debutti di nuovi modelli appositamente dedicati a questi mercati.

No votes yet.
Please wait...