Bmw, Mercedes e Volkswagen: richiami negli USA per gli airbag

Le filiali nordamericane di Bmw, Daimler-Benz e VW danno il via a una campagna di richiamo per la sostituzione prudenziale degli airbag Takata.

Un nuovo caso di richiami. E adesso tocca a MercedesBmw, e Volkswagen. La Casa di Stoccarda comunica il richiamo di 840.000 unità (fra autovetture e veicoli commerciali), quella di Monaco di altrettanti veicoli, mentre quella di Wolfsburg di 680.000 vetture, per la sostituzione degli airbag che potrebbero essere difettosi. Per tutti i costruttori si tratta di provvedimenti da attuare negli USA.

La campagna di richiamo per Mercedes riguarda gli airbag lato guida e - secondo quanto indicato dai portavoce della filiale statunitense di Mercedes - interesserà circa 705.000 autovetture e 136.000 van, costruiti rispettivamente dal 2005 al 2014 e dal 2007 al 2014. Nello specifico, si tratterebbe di Mercedes Classe C, Classe E, SLK, SLS e GL, Classe M e Classe R, mentre riguardo ai van i richiami interessano la gamma Sprinter venduta con i marchi Dodge, Freightliner e Mercedes.

Anche Volkswagen si trova al centro di una vicenda analoga: la filiale nordamericana del marchio di Wolfsburg sta richiamando in questi giorni 680.000 modelli Volkswagen, costruiti fra il 2006 e il 2014, sempre a causa di possibili malfunzionamenti degli Airbag (anch'essi lato guida).

Lo stesso per Bmw, che sottoporrà a controllo circa 840.000 unità prodotte dal 2006 al 2015 e vendute negli Stati Uniti: Serie 1 (2008 - 2013), Serie 3 (2006 - 2011), 335d (2009 - 2011), Serie 3 Station Wagon (2006 - 2012), Serie 3 Coupé e Cabrio (2007 - 2013), X1 (2013 - 2015), X3 (2007 - 2010), X5 (2007 - 2013), X5 xDrive 335d (2009 - 2013), X6 (2008 - 2014). 

Non si sarebbe verificato alcun incidente, dunque l'azione che sta per essere attuata negli Stati Uniti è prudenziale: gli investigatori (l'indicazione di possibili malfunzionamenti agli Airbag era partita nei giorni scorsi dalla NHTSA, la National Highway Traffic Safety Administration) temono che gli Airbag - prodotti dalla giapponese Takata - possano esplodere all'improvviso, e causare lesioni agli occupanti delle vetture.

Se vuoi aggiornamenti su BMW, MERCEDES E VOLKSWAGEN: RICHIAMI NEGLI USA PER GLI AIRBAG inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Giorgi | 10 febbraio 2016

Vedi anche

Suzuki: raggiunta quota tre milioni nello stabilimento di Esztergom

Suzuki: raggiunta quota tre milioni nello stabilimento di Esztergom

Magyar Suzuki Corporation, inaugurata nel 1991, celebra la Suzuki "numero tre milioni": è una S-Cross. Esportazioni in più di cento Paesi.

Mercato auto: l’Europa cresce a doppia cifra

Mercato auto: l’Europa cresce a doppia cifra

Marzo 2017 con il segno più: l’immatricolato cresce del 10,9% nei Paesi UE e del 18,2% in Italia. Fca è al quinto posto nella top ten europea.

Tesla in Borsa supera anche General Motors

Tesla in Borsa supera anche General Motors

Dopo il clamoroso sorpasso della scorsa settimana su Ford, il titolo Tesla supera anche un altro colosso quale General Motors.