Mercato Auto 2015: boom di vendite a novembre

Nonostante lo scandalo del "dieselgate" e la difficile crisi medio orientale, il settore automotive segna degli ottimi risultati a novembre.

Per una volta il pessimismo deve arrendersi a dati più che incoraggianti: a novembre, il mercato dell'automobile ha registrato in italia un ottimo +23,47% che si traduce in ben 132.929 auto immatricolate nel mese appena trascorso, mentre dall'inizio dell'anno ad oggi la crescita si è attestata ad un +15,5%, numeri che ormai fanno parlare di ripresa agganciata, come conferma l'UNRAE  che  prevede che il 2015 chiuderà  a quota 1.570.000 auto immatricolate.  L'autentica ripresa però - secondo il Centro Studi Promotor - arriverà nel 2018, quando si raggiungeranno i numeri pre-crisi.

Tra  i grandi Costruttori che guidano la ripresa troviamo il Gruppo FCA (Fiat-Chrysler) che in Italia ha fatto meglio della media del mercato, raggiungendo quota +26,1%. FCA ha distribuito ben 37.300 vetture per una quota del 27,9 %, ovvero  +0,6  rispetto allo scorso anno. Entrando nel dettaglio scopriamo che Fiat ha registrato un +29,35%, grazie alle ottime performance della Panda, capace di confermarsi l'utilitaria più venduta, senza dimenticare i pregevoli  risultati del "sub-brand"  500  (Fiat 500, 500L e 500X). Jeep continua  stupire per la sua vorticosa ascesa capace di registrare a novembre una crescita vicino al 70% (+67,15%), mentre nel corso dell'anno è salita del 204,2%. Questi incredibili risultati sono da attribuire alla Renegade, capace di toccare una quota del 12,3% nel suo segmento, dietro alla già citata "cugina" Fiat 500X.

Lancia chiude il mese di novembre  con circa 4.300 immatricolazioni, ottenendo una quota del  3,2 %. La Lancia Ypsilon è la capofila del marchio di Chivasso con 4.300 immatricolazioni nello scorso mese, diventando così la  quarta vettura più venduta in Italia. Alfa Romeo ha raggiunto le 2.400 immatricolazioni, ovvero un + 17,75%  rispetto all'anno scorso,  per una quota all'1,8 per cento.  Nei primi undici mesi del 2015 , la Casa del Biscione  ha distribuito 28.400 vetture, con una quota dell'1,9 per cento.

I commenti a caldo di questo andamento positivo del mercato sono stati molteplici, ma tutti concordano che almeno per il momento, non c'è stato nessun effetto "dieselgate", riferito al temuto tracollo del comparto automotive a causa dello scandalo delle emissioni truccate da parte del Gruppo Volkswagen. Molti degli "addetti ai lavori" rimangono comunque cauti sulla ripresa del comparto, avvertendo dei possibili rischi.

Mentre la fase di lenta ripresa congiunturale si è avviata -  ha spiegato Massimo Nordio, Presidente dell'UNRAE, l'Associazione delle Case automobilistiche estere - restano ancora gli strascichi della riorganizzazione strutturale che Case automobilistiche e le Reti di vendita hanno affrontato negli ultimi 3 anni, vedendo sparire circa 500 imprese concessionarie, 900 punti di vendita e 9.000 occupati".

"Temevamo quello che io chiamo 'effetto Isis', che rischia di frenare la ripresa  - ha dichiarato  il presidente di Federauto (federazione dei concessionari), Filippo Pavan Bernacchi,  -   ma le promozioni messe in campo dalle case automobilistiche, in partnership con i concessionari, stanno facendo presa sui consumatori, in particolare sui privati, ossia le famiglie. Anche per un contesto macroeconomico positivo di cui alcuni segnali importanti sono la diminuzione del tasso di disoccupazione e l'aumento della fiducia dei consumatori".

 

 

Se vuoi aggiornamenti su MERCATO AUTO 2015: BOOM DI VENDITE A NOVEMBRE inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Donnici | 02 dicembre 2015

Vedi anche

Daimler: auto EV e batterie in Cina per aumentare le vendite Mercedes?

Daimler: auto EV e batterie in Cina per aumentare le vendite Mercedes?

Una news dal Web riporta che fra i piani a medio termine, da parte di Stoccarda, potrebbe esserci la produzione di auto elettriche in Cina.

Mini celebra 3 milioni di esemplari venduti

Mini celebra 3 milioni di esemplari venduti

Ad Oxford si celebra la Mini 3.000.000: è una Clubman John Cooper Works; dal 2001, la capacità produttiva è salita a 1.000 unità al giorno.

Car of the Year 2017: ecco le auto finaliste

Car of the Year 2017: ecco le auto finaliste

La Giulia tra le 7 finaliste del prestigioso concorso.