Italia Independent e Ducati: siglata partnership globale

I due brand italiani, entrambi esempi di stile e personalità, hanno siglato un accordo globale che porterà alla realizzazione di progetti ambiziosi.

Fondere allo stato dell'arte lo stile e la personalità che solo il Made in Italy sa offrire: è questo lo spirito che ha unito Ducati e Italia Independent, protagonisti di una nuova  partnership a livello globale che porterà i due marchi italiani ad una strategica collaborazione triennale. Uno dei primi obiettivi è quello di sviluppare ulteriormente il successo indiscusso e prorompente di uno dei prodotti più recenti della Casa di Borgo Panigale, ovvero la Ducati Scrambler, moto con un indiscusso fascino vintage, capace di interpretare in chiave moderna i valori e lo spirito dell'iconica motocicletta nata negli Stati Uniti negli anni '70 e successivamente trasformatasi in un successo mondiale.

La Ducati Scrambler non è una semplice moto, ma è un vero e proprio stile di vita: questo modello ha infatti generato un brand esclusivo, di cui fanno parte una vasta serie di accessori dedicati alla vita in moto, ma anche una collezione di felpe, T-shirt , gadget, borse e zaini da viaggio. Il successo del marchio Scrambler sembra ormai inarrestabile e la partnership con Italia independent lo rafforzerà ulteriormente.

Fondata dal poliedrico Lapo Elkann, Italia Independent è invece un marchio che basa le sue fondamenta sulla creatività e lo stile, rivolgendosi ad un target di persone indipendenti e con una forte personalità, come sottolineato dalla sua capacità nel mescolare fashion e design, tradizione e innovazione.

Come suggerito in precedenza, la collaborazione su scala globale tra Italia Independent e Ducati ha come scopo principale quello di creare un forte binomio di stile e originalità Made in Italy. Per suggellare l'accordo e contraddistinguere i prodotti che verranno sviluppati nel prossimo futuro dai due brand, è stato appositamente creato un logo specifico che raffigura l'unione delle due diverse anime che ha in seguito generato questo ambizioso progetto. I prodotti che vedranno la luce da questa alleanza verranno svelati in anteprima a Miami (Stati Uniti) nel mese di dicembre, in occasione di uno speciale ed esclusivo evento che si svolgerà nell'ambito della rassegna Art Basel.

"Sono felice di quest'unione nata nel segno dell'eccellenza, stilistica e tecnologica, tra due aziende che hanno in comune tanti valori, un forte rispetto della  tradizione e la voglia di guardare al futuro". Ha commentato Lapo Elkann, co-fondatore e presidente di Italia Independent, che ha aggiunto: "Due mondi diversi ma non lontani come potrebbe sembrare, che si sono avvicinati attorno alla creazione di prodotti creati e concepiti in Italia, con un respiro globale".

L'entusiasmo di Lapo Elkann relativo a questo nuovo ed ambizioso progetto si riflette anche nelle parole di Claudio Domenicali, Amministratore Delegato Ducati Motor Holding: "Siamo molto contenti di questo accordo di collaborazione con Italia Independent. Abbiamo iniziato a parlarne un anno  fa e subito ci è parso chiaro  che Scrambler Ducati potesse essere il brand  da cui partire  per   sviluppare  una   serie  di  progetti  comuni.  Stile, design, innovazione  uniti ad una  maniacale attenzione ai dettagli accomunano Ducati a Italia Independent. Su queste basi miriamo a realizzare prodotti  che possano offrire ai nostri rispettivi clienti un'esperienza unica".

Se vuoi aggiornamenti su ITALIA INDEPENDENT E DUCATI: SIGLATA PARTNERSHIP GLOBALE inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Donnici | 05 novembre 2015

Vedi anche

Fiat Tipo: porte aperte il 28 e 29 gennaio

Fiat Tipo: porte aperte il 28 e 29 gennaio

Nuovi motori più accessori e prezzi ancora più convenienti

Mercato auto Europa in crescita del 6,5% nel 2016

Mercato auto Europa in crescita del 6,5% nel 2016

Il mercato europeo dell’auto continua la sua crescita, trainata da FCA che continua a salire con una velocità a due cifre.

Hyundai: immatricolazioni da record in Italia

Hyundai: immatricolazioni da record in Italia

La Casa coreana supera nel 2016 per la prima volta le 56mila vetture consegnate.