ANFIA: bisogna mantenere gli incentivi

Eugenio Razelli, Presidente dell'Associazione Nazionale Fra Industrie Automobilistiche, interviene sulla situazione del mercato automobilistico

Sono trascorsi 9 mesi dall'inizio del 2009 e all'ANFIA si tirano le fila di un anno difficilissimo, segnato dalle conseguenze della crisi economica. Dopo un 2008 in calo del 13,3% rispetto al 2007, il mercato dell'auto ha registrato una pesante contrazione nei primi mesi del 2009.

Tra il 2007 e il 2009 le vendite complessive di auto sono calate di circa 500.000 unità. Fortunatamente, ad arginare queste perdite, sono intervenuti gli eco-incentivi introdotti lo scorso 7 febbraio, grazie ai quali il trend ha incominciato a migliorare, dando i primi effetti tangibili nel mese di marzo e con una forte concentrazione degli ordini sulle vetture ad alimentazioni ecologiche.

Dall'entrata in vigore degli incentivi alla fine di agosto, l'86,6% degli acquisti ha riguardato vetture con cilindrata molto ridotta e per definizione più ecologica. Nello stesso periodo, la penetrazione delle auto ultra ecologiche (Metano e GPL) sul mercato è passata dal 9,4% delle nuove immatricolazioni al 25%. Grazie a questi positivi effetti, si prevede una chiusura d'anno attorno ad almeno 2.040.000 nuove unità (-5,6%), quindi con circa 200.000-300.000 veicoli aggiuntivi attribuibili agli ecoincentivi.

"I benefici economici e ambientali legati agli ecoincentivi sono innegabili" ha dichiarato Eugenio Razelli, Presidente di ANFIA. "Occorre perciò mantenerli in vigore, come faranno quasi tutti i principali Paesi europei, e questo per permettere un adeguamento del mercato alla ripresa economica. ANFIA chiede anche di mantenere gli incentivi per le vetture ultraecologiche per un arco di tempo sufficiente a consentire una stabilizzazione di tutta la filiera e, in particolare, in modo da stimolare la creazione di una rete di distribuzione ad oggi ancora insufficiente''.

Considerando la profondissima crisi in cui si trovano i veicoli industriali, che ad oggi non hanno beneficiato di alcuno stimolo, ANFIA ritiene prioritario includere il settore trasporti, come già da tempo richiesto dall'Associazione, tra i beneficiari della Legge Tremonti ter e del decreto relativo agli ammortamenti anticipati sui beni strumentali d'impresa a risparmio energetico, che il Ministero delle Finanze si appresta ad adottare.

Il Presidente Razelli ha inoltre sottolineato che "Il Costruttore nazionale e il nostro indotto sono gli unici, nell'ambito dei principali Paesi costruttori, a non aver ad oggi beneficiato di alcun aiuto diretto o aiuto di Stato, come invece nel caso di Francia, Germania, Spagna, Regno Unito, oltre agli Stati Uniti, ma solo di incentivi al consumo analoghi a quelli adottati in quasi tutti i Paesi europei, anche in seguito anche alla richiesta formale della Commissione europea nel suo EU Recovery Plan."

Per evitare di distorcere la concorrenza in un momento di grave crisi mondiale come l'attuale, è quindi necessario che tali aiuti di Stato vengano adeguatamente monitorati a livello nazionale e comunitario, in modo da limitarne gli effetti distorsivi sui Paesi e sui produttori che non ne hanno beneficiato.

Se vuoi aggiornamenti su ANFIA: BISOGNA MANTENERE GLI INCENTIVI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Leopoldo Canetoli | 06 ottobre 2009

Vedi anche

Daimler: auto EV e batterie in Cina per aumentare le vendite Mercedes?

Daimler: auto EV e batterie in Cina per aumentare le vendite Mercedes?

Una news dal Web riporta che fra i piani a medio termine, da parte di Stoccarda, potrebbe esserci la produzione di auto elettriche in Cina.

Mini celebra 3 milioni di esemplari venduti

Mini celebra 3 milioni di esemplari venduti

Ad Oxford si celebra la Mini 3.000.000: è una Clubman John Cooper Works; dal 2001, la capacità produttiva è salita a 1.000 unità al giorno.

Car of the Year 2017: ecco le auto finaliste

Car of the Year 2017: ecco le auto finaliste

La Giulia tra le 7 finaliste del prestigioso concorso.