Lamborghini: 2008 positivo

Nonostante la crisi, la Casa di Sant’Agata cresce nel settore del lusso

Lamborghini: 2008 positivo

Tutto su: Lamborghini

di Redazione

06 febbraio 2009

Nonostante la crisi, la Casa di Sant’Agata cresce nel settore del lusso

.

Detroit 2009. L’annuncio ha un che di strabiliante, soprattutto di questi tempi. Anche se siamo in tempi di crisi il segmento del lusso sembra mantenere la propria fetta di mercato, ed anzi si può dire che cresca. Lamborghini, infatti, chiude il 2008 in positivo: il Marchio del Toro ha registrato un aumento delle unità vendute, da 2406 a 2430, pari ad un incremento dell’1%.

Non si tratta di grandi numeri ma se si pensa alla situazione economica globale, specie nel campo automobilistico, e se tiene conto dell’esclusività del prodotto, ci si rende realmente conto di come l’azienda italiana abbia effettivamente compiuto una bella impresa, considerando che molti brand concorrenti hanno invece sofferto la crisi di settore.

Merito di un lavoro di comunicazione eccellente che ne ha rafforzato notevolmente l’immagine soprattutto nei Paesi emergenti. Negli ultimi anni la Casa di Sant’Agata ha infatti registrato un tasso di crescita superiore del 30% rispetto alla media del mercato, grazie soprattutto alla costante espansione in nuovi mercati dall’elevatissimo potenziale, come Medio Oriente e Asia.

Se in effetti una flessione c’è stata, soprattutto sui mercati occidentali, i maggiori tassi di crescita sono stati registrati in Medio Oriente che ha segnato un aumento delle vendite del 66%, e in Estremo Oriente, dove Lamborghini ha più che raddoppiato. Guida la Cina con un +157%, seguita da Hong Kong e Corea del Sud, rispettivamente con un +120% e +100%.

Un bel successo quindi, probabilmente anche dovuto ad una gamma di vetture più accattivante con i nuovi modelli di Gallardo e Murciélago, al lancio di Reventon ed Estoque e a una politica aziendale azzeccata.