Citroen: un primo semestre moderatamente positivo

Per Citroen scendono i volumi di vendite del 17,4%, ma la quota di mercato sale, anche se di appena 0,2 punti, nel primo semestre 2009

Citroen: un primo semestre moderatamente positivo

Tutto su: Citroën

di Francesco Giorgi

17 luglio 2009

Per Citroen scendono i volumi di vendite del 17,4%, ma la quota di mercato sale, anche se di appena 0,2 punti, nel primo semestre 2009

.

650 mila veicoli venduti, nel mondo, e una quota di mercato (fra autovetture e veicoli commerciali leggeri) del 6,5 per cento, con una crescita di 0,2 punti. E’ un consuntivo moderatamente ottimista quello relativo al primo semestre di quest’anno e diramato in questi giorni dalla Citroen, che ha “rosicchiato” una piccola quota di mercato in più in un momento particolarmente difficile come quello attuale, nel quale il volume di vendite nell’Europa di 30 Paesi è sceso del 17,4 per cento.

Gli 0,2 punti “guadagnati” dal Marchio del Double Chevron riguardano i 30 paesi europei nei quali la Citroen è presente; nel dettaglio, il risultato migliore è stato registrato in Russia, dove la quota di mercato in più è dello 0,6 per cento. In Europa occidentale, il segno positivo è dello 0,1 per cento, mentre in leggera flessione (- 0,2 per cento) è la quota di mercato in Europa orientale. Giudicata stabile la presenza in America Latina, mentre in Cina l’aumento delle consegne è stato dell’11,4 per cento.

In Italia, in un mercato che perde i l 12,3%, Citroen ottiene una penetrazione del 5,1% nella prima metà dell’anno. La Marca conserva la quinta posizione nel mercato delle autovetture, con un lancio soddisfacente di C3 Picasso e la quarta posizione nei veicoli commerciali leggeri, con +1,8 punti di quota di mercato nel primo semestre.

Secondo le note diramate dalla stessa Citroen, in Europa “tiene” bene il mercato in Francia, che ha registrato per il Marchio un aumento del 6 per cento nelle vendite (soprattutto grazie al buon andamento di C3 Picasso, C5, C4 Picasso e Berlingo-Nemo); e in Germania, dove con 59 mila immatricolazioni le vendite sono aumentate del 31 per cento.

Risulta, invece, in calo del 14 per cento la previsione delle vendite nel secondo semestre per il Gruppo PSA, formato dalla Citroen e dalla Peugeot, anche se nel periodo compreso fra Maggio e Giugno si è registrato anche per il Gruppo formato dai due Costruttori un leggero miglioramento nell’ultimo trimestre, raggiunto anche grazie agli aiuti governativi.