Fiat Viaggio: bene le vendite in Cina

Fiat alla conquista della Cina con 110 concessionarie e l’Elite Service, vicino al cliente 24 ore su 24.

Fiat Viaggio: bene le vendite in Cina

di Eleonora D'Uffizi

23 novembre 2012

Fiat alla conquista della Cina con 110 concessionarie e l’Elite Service, vicino al cliente 24 ore su 24.

Fiat, dopo gli errori del passato, sta conquistando la Cina a passi da gigante e lo confermano i dati degli ultimi mesi: «Abbiamo consegnato 6.000 esemplari dalla metà di settembre a oggi, da quando abbiamo lanciato l’auto», ha dichiarato Jack Chang, managing director della joint venture Gac-Fiat, parlando della nuova Viaggio, la berlina derivata dalla Dodge Dart per il mercato cinese. «Adesso speriamo di arrivare a 15.000 auto per la fine dell’anno. Attualmente produciamo 200 vetture al giorno». In crescita anche gli acquisti dei modelli importati come la 500, la Bravo e la Freemont.

Il Lingotto non ha in programma di ampliare la fabbrica di Changsha che produce la Viaggio, né di esportare in Europa la vettura: «Noi adesso pensiamo solo a localizzare, che poi è la chiave del nostro successo in Cina», spiega Chang. L’azienda torinese ha infatti 110 concessionarie sul territorio e prevede di aumentarli presto.

Chang ha illustrato anche il servizio di assistenza Fiat nella città di Guangzhou (Canton), l’Elite Service, vicino ai clienti 24 ore su 24 con call center, soccorso sulla strada, garanzia di tre anni o di 100.000 km. «Ma Elite, sarà presto anche un club, un’associazione per proprietari di Fiat in Cina». 

Il managing director ha voluto concludere smentendo l’ipotesi secondo cui Fiat starebbe occupando le quote di mercato liberate dalla diminuzione di vendite del Giappone: «Chi compra auto giapponesi è normalmente un tradizionalista, un impiegato. I nostri attuali clienti sono giovani smart, che riconoscono l’italianità del brand e vogliono un’auto agevole, per il lavoro e il tempo libero».

No votes yet.
Please wait...