Jaguar-Land Rover e Chery: joint venture per la Cina

Dalla joint-venture tra il Gruppo britannico e la Casa cinese nascerà un nuovo stabilimento nella città cinese di Changshu.

Range Rover Evoque

Altre foto »

Per i costruttori automobilistici europei il grande e promettente mercato cinese, rappresenta uno dei maggiori canali di esportazione. Per questo motivo, un sempre maggior numero di Case automobilistiche realizza nuovi impianti produttivi nel paese asiatico - anche tramite partnership firmate in loco - in modo da abbattere i costi di produzione, dei trasporti e dei dazi doganali.

L'ultima di queste nuove joint-venture, in ordine di tempo, è nata grazie  all'accordo stipulato tra il Gruppo Jaguar - Land Rover e la Casa automobilistica cinese Chery. Il primo risultato della partnership tra i due Costruttori sarà la nascita dell'inedito stabilimento situato nella città di Changshu, in Cina, dove in questi giorni sono iniziati i lavori per la sua realizzazione. I due Costruttori hanno infatti ricevuto il recente via libera da parte della National Development & Reform Commission (NDRC ) che ha rilasciato la concessione governativa necessaria alla neonata joint venture per produrre nuovi modelli in Cina.

Il cospicuo investimento di 13,7 miliardi di euro, prevede, oltre alla realizzazione del nuovo impianto, anche la nascita di una nuova struttura "ricerca e sviluppo" e la produzione di propulsori, inoltre dallo stabilimento di Changshu nasceranno modelli specifici per il mercato cinese e la loro commercializzazione e distribuzione verrà gestita direttamente dalla joint venture. La forza della partnership tra le due Case automobilistiche si baserà sull'utilizzo delle avanzate tecnologie del Gruppo britannico, sull'esperienza e sulla presenza nel territorio locale della Casa cinese.

Oltre alle vetture attualmente prodotte, dall'accordo nascerà un nuovo marchio creato ad hoc per le esigenze e le richieste della clientela cinese, inoltre uno dei punti di forza della partnership sarà il consistente investimento nell'innovazione tecnologica e nella ricerca che verranno realizzati nella già citata struttura del Research & Development Centre.

La nascita del nuovo stabilimento di Changshu, la cui realizzazione è prevista nel 2014, è stata una tappa quasi obbligata per la Casa inglese, considerando la crescita esponenziale delle vendite del Gruppo nel mercato cinese. Nel solo 2011, le vendite del Costruttore nel mercato del paese asiatico sono aumentate del 60%, mentre nel periodo tra gennaio e ottobre 2012 addirittura dell'80%. Il merito di questo successo è da attribuire agli ottimi risultati ottenuti con i modelli XJ e XF prodotti con il brand Jaguar e per il successo, praticamente annunciato, della Range Rover Evoque.

Se vuoi aggiornamenti su JAGUAR inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Donnici | 20 novembre 2012

Altro su Jaguar

Jaguar XJR by Viezu: elaborazione da 650 CV
Tuning

Jaguar XJR by Viezu: elaborazione da 650 CV

L’ammiraglia della Casa britannica ha ricevuto alcune mirate modifiche meccaniche per raggiungere la potenza massima di 650 CV.

Jaguar XKSS: al Salone di Los Angeles il ritorno di un mito
Anteprime

Jaguar XKSS: al Salone di Los Angeles il ritorno di un mito

Non una replica, ma una produzione nuova ed originale in tutto e per tutto: la roadster XKSS sarà "tirata" in nove unità a 1 milione di sterline.

Jaguar I-Pace:  un Suv elettrico al Salone di Los Angeles
Concept

Jaguar I-Pace: un Suv elettrico al Salone di Los Angeles

Prime immagini e dettaglio delle caratteristiche tecniche per la inedita I-Pace, prototipo zero emissioni che debutterà sul mercato nel 2018.