Audi Q7: iniziata la produzione in India

Dopo i buoni riscontri ottenuti sul mercato indiano nei primi mesi del 2012, Audi ha deciso di assemblare ad Aurangabad la Q7.

Audi Q7: iniziata la produzione in India

Tutto su: Audi Q7

di Giuseppe Cutrone

09 novembre 2012

Dopo i buoni riscontri ottenuti sul mercato indiano nei primi mesi del 2012, Audi ha deciso di assemblare ad Aurangabad la Q7.

I vertici Audi hanno confermato che la Audi Q7 avrà da oggi un suo sito di assemblaggio in India, seguendo quindi l’esperienza già messa in atto con alcuni modelli della gamma come A4, A6 e Q5. Il grosso SUV tedesco sarà costruito infatti presso il nuovo stabilimento di Auragnabad, lo stesso dove, a partire dalla prossima estate, dovrebbe essere assemblato il crossover Q3.

L’impianto ha un’estensione di 20.000 metri quadri e, una volta entrato a regime, dovrebbe assicurare un volume produttivo annuo di 1.000 Audi Q7, a conferma delle volontà di Audi di crescere sempre più nel promettente mercato indiano, come spiegato da membro del consiglio di amministrazione Frank Dreves durante una recente intervista.

Tra gli obiettivi della casa di Ingolstadt in India non c’è solo il potenziamento della fabbrica di Aurangabad, ma si lavora anche al miglioramento della rete di vendita, con lo scopo di aggiungere alle 7 concessionarie attualmente attive altri 25 nuovi punti vendita entro la fine dell’anno.

Tali sforzi, d’altronde, sono pienamente giustificati dagli ultimi dati relativi alle consegne del gruppo in India, che ha visto crescere il numero dei veicoli venduti nel paese asiatico del 55% nei primi 10 mesi del 2012, riuscendo a immatricolare 7.237 veicoli e a superare i 5.511 esemplari venduti nell’intero anno precedente.