Bmw richiama negli USA 24.000 esemplari

Nuovo richiamo in vista per Bmw, che dal 9 maggio inizierà a controllare oltre 24.000 veicoli diesel, tra cui X5, X6 e Serie 3, distribuiti negli USA.

Bmw richiama negli USA 24.000 esemplari

Tutto su: BMW

di Giuseppe Cutrone

08 maggio 2012

Nuovo richiamo in vista per Bmw, che dal 9 maggio inizierà a controllare oltre 24.000 veicoli diesel, tra cui X5, X6 e Serie 3, distribuiti negli USA.

Dopo il richiamo dello scorso marzo, quando fu costretta a far rientrare presso le officine della propria rete 1,3 milioni di Serie 5 e Serie 6 per un potenziale pericolo di incendi, Bmw è impegnata con un nuovo richiamo, che stavolta è però limitato solamente agli USA.

Nel paese nord americano la casa tedesca sta per richiamare 24.340 esemplari turbodiesel prodotti tra il 2009 e il 2011. I veicoli coinvolti sono suddivisi tra circa 2.740 Bmw X5 xDrive 50i e Bmw X6 xDrive 50i, a cui si aggiungono 21.600 Bmw Serie 3, ovviamente anche queste con motore a gasolio.

Il problema, secondo quanto spiegato dal costruttore di Monaco, è legato a un potenziale difetto del sistema che regola le emissioni e che comprende la valvola EGR, il miscelatore DEF e il catalizzatore SCR. Il non perfetto funzionamento dell’impianto potrebbe comportare uno sfasamento dei valori preimpostati, con la conseguenza che aumentino le emissioni dei veicoli rispetto al normale, andando a sforare le leggi vigenti in materia ambientale in alcuni stati americani.

La campagna di richiamo di Bmw inizierà mercoledì prossimo, quando la casa inizierà ad inviare le consuete lettere di avviso ai propri clienti invitandoli a recarsi al centro d’assistenza più vicino.