Daimler comprerà Ducati? Stoccarda smentisce

"No" dei vertici Daimler alla notizia di un interessamento di Stoccarda. Resta l'alleanza di marketing Ducati-AMG e il "corteggiamento" di Audi.

Mercedes AMG partner Ducati

Altre foto »

Ducati sotto il controllo di Daimler? Nemmeno per sogno. L'ipotesi, avanzata ieri dalla stampa nazionale, è destinata a concludersi in un niente di fatto. O meglio: per il momento, l'unico comune denominatore che lega il marchio di Borgo Panigale e il Gruppo tedesco resta la strategia di marketing condiviso; mentre l'interlocutore d'eccellenza per il controllo di Ducati è Audi.

Ieri, un articolo apparso sul Corriere della Sera aveva aperto una nuova possibilità per il futuro delle "Rosse a due ruote": l'acquisizione della maggioranza azionaria da parte di Daimler. Un rumor smentito, a stretto giro di posta, dai vertici di Stoccarda: "Non abbiamo alcun interesse in merito a una eventuale acquisizione di Ducati", ha dichiarato un portavoce di Daimler ad Automotive News.

Il futuro dei capitali di Ducati resta, a meno di sorprese dell'ultima ora, vincolato agli accordi che si concretizzeranno fra Investindustrial (il fondo d'investimento che attualmente detiene il controllo del marchio di Borgo Panigale) e Audi, l'affaire che sta destando notevoli discussioni in questi primi mesi del 2012.

Come avevamo pubblicato a metà marzo, Investindustrial cerca un marchio che possa prendere il controllo delle quote capitale di Ducati, con l'obiettivo di farla crescere ulteriormente (Ducati ha chiuso il 2011 con un fatturato di 480 milioni di euro e una quota di mercato del 10,5% nel segmento delle moto sportive)

A fare propendere l'ipotesi di un interesse di Daimler per Ducati è stata, a nostro avviso, una serie di fattori. Innanzitutto, la partnership promozionale siglata, un anno e mezzo fa, dai vertici AMG e dalla dirigenza Ducati. Un'alleanza, resa nota al Salone di Los Angeles 2010 e improntata allo sviluppo congiunto di attività di promozione dei rispettivi marchi. In secondo luogo, il fatto che i colloqui intercorsi nelle ultime settimane fra il fondo Investindustrial di Andrea Bonomi e Volkswagen - Audi non hanno il crisma dell'ufficialità, dunque la possibilità per un "terzo" di inserirsi nelle trattative c'è.

Una terza chiave di lettura avrebbe potuto essere un possibile interessamento da parte di Mercedes verso il settore delle due ruote: Bmw, storica rivale della Stella a Tre punte, divide equamente la propria attività fra autovetture e moto. Facendo "uno più uno", Daimler, attraverso AMG, avrebbe messo un piede nel settore dei motoveicoli, senza dover imbastire un piano di produzione, ben più impegnativo del controllo di un marchio già bell'e pronto.

La dichiarazione giunta nelle scorse ore dai piani alti di Stoccarda, in ogni caso, accantona qualsiasi ipotesi. 

Se vuoi aggiornamenti su DAIMLER COMPRERÀ DUCATI? STOCCARDA SMENTISCE inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Giorgi | 02 aprile 2012

Vedi anche

Suzuki: raggiunta quota tre milioni nello stabilimento di Esztergom

Suzuki: raggiunta quota tre milioni nello stabilimento di Esztergom

Magyar Suzuki Corporation, inaugurata nel 1991, celebra la Suzuki "numero tre milioni": è una S-Cross. Esportazioni in più di cento Paesi.

Mercato auto: l’Europa cresce a doppia cifra

Mercato auto: l’Europa cresce a doppia cifra

Marzo 2017 con il segno più: l’immatricolato cresce del 10,9% nei Paesi UE e del 18,2% in Italia. Fca è al quinto posto nella top ten europea.

Tesla in Borsa supera anche General Motors

Tesla in Borsa supera anche General Motors

Dopo il clamoroso sorpasso della scorsa settimana su Ford, il titolo Tesla supera anche un altro colosso quale General Motors.