In Europa mercato di Aprile a -12,3%. UNRAE: facciamo come la Germania

Flessione per la gran parte dei Paesi ad eccezione di Germania e Austria. Incentivi in arrivo anche per Gran Bretagna e Spagna

Niente di nuovo sul fronte delle immatricolazioni, se non che la crisi continua a farsi sentire nel settore automobilistico. Gli ultimi report dell'ACEA relativi al mercato europeo di Aprile mostrano una flessione del 12,3 % rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, facendo registrare il dodiceesimo mese consecutivo con segno negativo.

In totale sono state immesse in circolazione 1.251.862 nuove vetture. E la flessione è ancora più forte se si guarda ai dati dei primi quattro mesi di quest'anno: il mercato ha registrato un calo del 15,9% (4.639.319 unità).

Sul versante occidentale del Vecchio Continente le immatricolazioni sono diminuite, in Aprile,dell'11.6%. Uniche eccezioni sono l'Austria, dove il mercato è cresciuto del 12,8%, e la Germania che ha registrato un incremento del 19,4%; entrambe le performance sono legate all'efficacia dei piani di incentivi messi a punto dai relativi Governi.

Incentivi che non hanno avuto lo stesso esito in Paesi come Francia (- 7,1%), Italia (- 7,5%) e Lussemburgo (- 8,5%). Paesi quest'ultimi che hanno comunque registrato una flessione a una cifra, a differenza di altre realtà dove la crisi si è fatta sentire con più forza. In Gran Bretagna e in Spagna, ad esempio, il calo delle immatricolazioni è stato rispettivamente del 24% e del 45.6%.

UNRAE: facciamo come la Germania

Secondo gli analisti UNRAE il risultato negativo registrato nel mese di Aprile nel nostro Paese, è stato determinato dal calo delle immatricolazioni delle aziende (-39,3%) e dei noleggi (-40%) sia a breve sia a lungo termine, oltre che da insufficienti disponibilità di prodotto, soprattutto delle auto a GPL e metano.

"E' da auspicare che anche in Italia vengano adottate misure di incentivi alla rottamazione simili a quelli in vigore in Germania e, dal 18 Maggio, in Gran Bretagna - ha commentato Salvatore Pistola, presidente dell'UNRAE, Associazione che rappresenta le Case estere operanti in Italia - che non escludano nessun segmento dal beneficio. Qualsiasi sia la vettura acquistata portando in rottamazione un'auto più vecchia di 10 anni il miglioramento in termini ecologici e di sicurezza è comunque enorme".

La Germania è quindi l'unico mercato di peso che sta uscendo bene dalla congiuntura negativa: sono state immatricolate 379.626 vetture, +19,4% rispetto all'Aprile del 2008; allo stesso modo i primi 4 mesi dell'anno hanno registrato 1.247.716 immatricolazioni (+18,4%), raggiungendo il livello più alto dal 1999. Come se non bastasse, nel mercato tedesco, continuano a crescere anche gli ordini: in Aprile + 32% (soprattutto per vetture di piccole dimensioni).

Dati negativi nel quadrimestre

Rimanendo nei Paesi dell'Europa occidentale da Gennaio ad Aprile di quest'anno le immatricolazioni sono scese in media del 15,1%. In Francia, nei primi 4 mesi, sono state immatricolate 689.931 vetture, con  una  flessione  del  4,8%, dovuta soprattutto alla modifica del sistema di registrazione delle immatricolazioni, avviato il 15 Aprile. E', dunque, probabile che parte delle immatricolazioni dell'ultimo mese siano state trasferite sul mese di Maggio.

La Gran Bretagna ha registrato una forte flessione delle immatricolazioni: 133.475, -24%, con il primo quadrimestre a quota 613.833 (-28,5%). Nessun segmento è stato escluso dal calo, ad eccezione delle city car per cui si è vista un'inversione di tendenza: +54.3%. Dal 18 Maggio però le cose potrebbero cambiare visto che entreranno in vigore gli ecoincentivi: 2mila sterline - stanziate al 50% da Governo e Case automobilistiche - se si rottama una vetture immatricolata prima del 31 Agosto 1999.

La performance peggiore è da attribuire però alla Spagna dove in Aprile sono state immatricolate solo 67.215 vetture, con una contrazione del 45,6%, che ha portato il primo quadrimestre a un totale di 265.210 unità (- 43,7%). Il calo di Aprile è il peggiore degli ultimi 25 anni. Per correre ai ripari è stato preannunciato che anche nel Paese iberico verrà realizzato un piano di incentivi.

Scendono infine anche Ungheria (-51.5%), Romania (-51.8%) e Islanda (-90.8%), mentre crescono Polonia (+2.4%), Repubblica Ceca (+19%), Slovacchia (+43.5%)

Se vuoi aggiornamenti su IN EUROPA MERCATO DI APRILE A -12,3%. UNRAE: FACCIAMO COME LA GERMANIA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Lorenzo Stracquadanio | 14 maggio 2009

Vedi anche

Daimler: auto EV e batterie in Cina per aumentare le vendite Mercedes?

Daimler: auto EV e batterie in Cina per aumentare le vendite Mercedes?

Una news dal Web riporta che fra i piani a medio termine, da parte di Stoccarda, potrebbe esserci la produzione di auto elettriche in Cina.

Mini celebra 3 milioni di esemplari venduti

Mini celebra 3 milioni di esemplari venduti

Ad Oxford si celebra la Mini 3.000.000: è una Clubman John Cooper Works; dal 2001, la capacità produttiva è salita a 1.000 unità al giorno.

Car of the Year 2017: ecco le auto finaliste

Car of the Year 2017: ecco le auto finaliste

La Giulia tra le 7 finaliste del prestigioso concorso.