Nel 2011 record di vendite nel mondo: 75 milioni di unità

Boom di vendite di auto a livello globale: il 2011 si chiuderà con 75 milioni di vetture immatricolate grazie ai Paesi emergenti e agli Usa.

Il 2011 è l'anno che segna il record di ogni epoca per quanto riguarda le auto vendute.

Gli analisti delle società di consulenza Ihs Automotive e Lmc Automotive - riporta il Financial Times - ritengono infatti che nei prossimi giorni si taglierà il traguardo di 75 milioni di vetture immatricolate in tutto il mondo, grazie sia ai Paesi emergenti come Russia, Turchia e Brasile sia grazie a quello statunitense, che con un probabile più 9% è cresciuto più del comunque grande mercato cinese, dove le vendite aumenteranno del 5%.

Contrazione invece per quanto riguarda l'Europa (tranne poche eccezioni) e il Giappone, quest'ultimo frenato dal terremoto dell'11 marzo scorso.

Fra i costruttori mondiali, la numero 1 del 2011 sarà quasi certamente il gruppo Volkswagen, che con 8 milioni di auto ha sorpassato sia General Motors sia Toyota. Quest'ultima, però, dovrebbe riprendersi lo scettro di leader nel corso del 2012 perso quest'anno a causa del blocco della produzione in seguito al già citato sima (e al conseguente tsunami) che ha fermato gli stabilimenti per diversi giorni.

Se vuoi aggiornamenti su NEL 2011 RECORD DI VENDITE NEL MONDO: 75 MILIONI DI UNITÀ inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 19 dicembre 2011

Vedi anche

Hyundai: immatricolazioni da record in Italia

Hyundai: immatricolazioni da record in Italia

La Casa coreana supera nel 2016 per la prima volta le 56mila vetture consegnate.

Gruppo FCA: 1 miliardo di dollari di investimenti in USA

Gruppo FCA: 1 miliardo di dollari di investimenti in USA

Scambio di ringraziamenti tra il Presidente eletto Donald Trump e Sergio Marchionne per gli investimenti del Gruppo FCA negli USA.

Mercato Auto: +13,7% a dicembre 2016

Mercato Auto: +13,7% a dicembre 2016

Il mercato auto in Italia anche nel mese di dicembre ha registrato una crescita a due zeri, ma rimangono i timori per il futuro.