Alfa Romeo 4C, a Ginevra per farci sognare

Una sportiva vera, senza compromessi, per ricordare cos’è in grado di realizzare l’Italia dei motori. Questo è l'Alfa Romeo 4C.

Alfa Romeo 4C Concept

Altre foto »

La speranza che l'Alfa Romeo 4C Concept entri davvero in produzione è molta. Non tanto per i volumi di vendita (che non saranno mai a sei cifre, forse neanche a cinque), quanto piuttosto per issare la bandiera italiana in un settore di nicchia importante per il ritorno di immagine. Un po' quello che hanno già fatto le 8C Competizione e 8C Spider: ribadire al mondo che il marchio del Biscione sa fare belle automobili con contenuti di qualità. E poi sarebbe un'altra sportiva senza compromessi, dal design inconfutabilmente italiano, dalla meccanica all'avanguardia che ancora sappiamo creare.

Rispetto alle possenti 8C, l'Alfa 4C ha quell'aria da "giocattolino" che dovrebbe stuzzicare i più giovani. Quelli che, per intenderci, hanno in garage le cattivissime Lotus e che non dicono mai di no quando si possono scaldare - e consumare - le gomme in pista.

Non bisogna neanche sottovalutare il positivo riscontro che la nuova sportiva Alfa Romeo otterrebbe oltre i nostri confini. Dove, addirittura forse più che in Italia, sono ancora ben impresse nella memoria le mitiche Giulia GTA o, ancora più indietro, le gloriose Giulia e Giulietta Zagato dei primi anni Sessanta.

Ma non è più tempo di amarcord. Gli uomini del Gruppo Fiat continuano a ripeterlo. Anche se, bella contraddizione, ultimamente non fanno che proporre nomi del passato per modelli che con gli anni che furono non hanno più nulla da spartire. Qualche esempio? Lancia Thema e Flavia made in Chrysler, la stessa ultima Giulietta dell'Alfa...

Per questo ci sentiamo di esclamare: benvenuta 4C. Sarebbe bello, aggiungiamo, se non facesse la brutta fine che ha fatto quello straordinario concept di Lancia Fulvia presentato nel 2003 e poi fatto sparire in fretta e furia dalla circolazione.

Dopo gli elogi, una stoccatina: peccato che la 4C, con quel telaio in carbonio della KTM, sebbene sviluppato da Dallara, non sia al 100% Alfa Romeo. D'accordo, bisogna fare i conti con i costi richiesti da una realizzazione simile, però quale valore aggiunto avrebbe rappresentato? Ai tempi delle competizioni "vere" dove l'Alfa trionfava (DTM, ITC, Superturismo...) i telai in carbonio uscivano dalle officine italiane... Ma, anche in questo caso, hanno ancora ragione gli uomini del marketing Fiat: alla maggior parte degli automobilisti di oggi questi "dettagli" non interessano più.

Se vuoi aggiornamenti su ALFA ROMEO 4C inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Luca Gastaldi | 02 marzo 2011

Altro su Alfa Romeo 4C

Alfa Romeo 4C by Romeo Ferraris
Tuning

Alfa Romeo 4C by Romeo Ferraris

La supercar compatta della Casa del Biscione viene impreziosita da tanta fibra di carbonio, mentre la meccanica viene potenziata tramite vari kit.

Alfa Romeo 4C: la prova su strada e in pista
Prove su strada

Alfa Romeo 4C: la prova su strada e in pista

Un’auto senza compromessi e senza filtri...tutta da guidare!

Alfa Romeo 4C by Pogea Racing
Tuning

Alfa Romeo 4C by Pogea Racing

Potenza aumentata a 314 CV e 305 km/h di velocità massima per la 4C CENTURION 1plus.