Sotto il vestito... non lo so

Sorprendente rivelazione Bmw: la maggior parte dei possessori della Serie 1 è convinta che la propria auto sia a trazione anteriore

La stupefacente constatazione che l'80% dei possessori di Bmw Serie 1 è convinta di avere un'auto a trazione anteriore la dice lunga sull'interesse e la competenza del cliente auto. La notizia è arrivata direttamente e inaspettatamente da Norbert Reithofer, CEO di Bmw, durante la recente conferenza stampa sui risultati 2009.

Reithofer alla domanda di un giornalista sull'eventuale impatto negativo della scelta della trazione anteriore per la futura piccola Bmw derivata da Mini, per un marchio che della scelta della trazione posteriore per la sua attuale compatta Serie 1 ha fatto un vanto, ha gelato la platea rivelando che da un sondaggio telefonico commissionato dalla casa bavarese tra gli attuali clienti della Serie 1, è risultato che l'80% (!), otto su dieci intervistati, era convinto di possedere un'auto a trazione anteriore. Bella, sorprendente lezione per i teorici dell'assoluta rilevanza della scelta tecnica ad orientare le preferenze e le sensazioni dei clienti di un marchio automobilistico.

Dunque è evidente che la maggioranza dei clienti BMW Serie 1, ignora la scelta tecnica "qualificante" della propria auto e l'ha scelta e acquistata conoscendo poco o nulla di quello che c'è sotto la carrozzeria, pensando che fosse una trazione anteriore proprio come un'Audi A3, una Volkswagen Golf o una Lancia Delta. E stiamo parlando di un cliente tipo di una Casa automobilistica che fa della distintività la propria bandiera.

Ancora una volta si conferma che la scelta dell'auto è influenzata, almeno per i marchi premium, prevalentemente dall'immagine e quasi per nulla dalle scelte tecniche, in barba alle stucchevoli sentenze sulla prevalenza della trazione posteriore (o dell'anteriore, a seconda dei partiti) o di altre soluzioni distintive. La verità, amara per i patiti della meccanica, è che nonostante il mercato dell'auto sia tra i più maturi e competitivi, il livello di conoscenza e competenza dell'acquirente medio è davvero basso. E' un fenomeno comprensibile e comune a tutti i prodotti a tecnologia avanzata; maggiore è la complessità, minore è la conoscenza e l'utilizzo delle funzionalità disponibili.

Credo che la nuova frontiera sulla quale lavorare sia proprio quella della semplificazione del "lato utente", con scelte automatiche dei servizi e dei comportamenti ottimali dell'auto che non richiedono intervento o interpretazione da parte del conducente. E l'ammissione del top manager Bmw dimostra in maniera sorprendente che al cliente interessa che l'auto sia reattiva, sicura e facile da guidare, e che non è per nulla interessato a sapere quali sono le ruote che tirano.

Se vuoi aggiornamenti su BMW SERIE 1 inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Fabrizio Brunetti | 26 marzo 2010

Altro su BMW Serie 1

BMW Serie 1 Sedan: il debutto al Salone di Guangzhou
Anteprime

BMW Serie 1 Sedan: il debutto al Salone di Guangzhou

La Casa di Monaco ha scelto il Salone di Guangzhou per svelare la versione tre volumi della Bmw Serie 1 dedicata al mercato cinese.

Bmw Serie 1 Sedan: solo per la Cina
Anteprime

Bmw Serie 1 Sedan: solo per la Cina

La Bmw Serie 1 guadagna la coda diventando più comoda e spaziosa, ma il modello sarà riservato solo al mercato cinese.

Bmw Concept Compact Sedan: anticipa la Serie 1 tre volumi
Concept

Bmw Concept Compact Sedan: anticipa la Serie 1 tre volumi

La nuova Bmw Concept Compact Sedan che anticipa la futura Serie 1 tre volumi è stata svelata in Cina, mercato di riferimento del futuro modello.