Vi piace la nuova Alfa Romeo Giulietta?

L’erede della 147 non si chiamerà Milano, ma rinverdirà nella denominazione commerciale il mito delle Alfa anni Sessanta

Vi piace la nuova Alfa Romeo Giulietta?

di Fabrizio Brunetti

02 dicembre 2009

L’erede della 147 non si chiamerà Milano, ma rinverdirà nella denominazione commerciale il mito delle Alfa anni Sessanta

Colpo di scena dell’ultimo momento, in puro stile Marchionne, proprio nel giorno in cui avrebbero dovuto essere diffuse le prime foto ufficiali della “Milano”: l’attesa e già più volte rinviata erede della 147.

Oltre a piccole variazioni dell’ultimo momento, sembra nelle finiture della plancia, la notizia clamorosa è l’abbandono del nome “Milano” a favore del ritorno di “Giulietta” per la nuova Alfa del segmento C.

Il nome Milano, lo confesso, a me non piaceva molto, lo trovavo poco “emozionale” per un’Alfa. Giulietta è sicuramente più evocativo e potrebbe essere un elemento di richiamo soprattutto per gli alfisti di lunga data.

Ma se la nuova vettura facesse fatica ad affermarsi sul mercato, questa denominazione commerciale potrebbe rivelarsi al contrario un boomerang. Vi ricordate ad esempio cosa accadde in casa Lancia con la seconda, deprimente, serie della Delta? Un nome di prestigio associato ad una macchina banale è un errore che si paga. E’ un rischio seppure in linea con le scelte di sfida del “Marchionne pensiero”.

Ce la farà la nuova Giulietta ad imporsi nei confronti dell’agguerrita concorrenza? Io me lo auguro e faccio il tifo per un’Alfa di forte immagine, anche se la compatta berlina a 5 porte che abbiamo visto non sembra particolarmente personale. E’ certo però che non saranno in molti a rimpiangere la berlina a “cuneo” degli anni Ottanta che si fregiava dello stesso nome della celeberrima spider degli anni della “Dolce Vita”, speriamo che la Giulietta che si appresta a calcare le scene del mercato automobilistico sia all’altezza di cotanta eredità.

No votes yet.
Please wait...