Eolab: a Parigi il futuro dell'auto secondo Renault

Il Direttore Ricerca e Studi Avanzati Bastien Remi illustra la filosofia e le innovazioni del concept che anticipa le soluzioni del futuro per Renault

Stand Renault al Salone di Parigi 2014

Altre foto »

Il nome scelto per il concept della massima efficienza prossima ventura secondo Renault è composto da "Eolo", dio del vento greco a sottolineare l'aerodinamica come sottofondo di tutti gli interventi innovativi e "Lab" perché in Eolab sono coerentemente applicati tutti i principi di engineering che derivano dai due capisaldi del progetto, Aerodinamica e leggerezza, che determinano la lunga serie di interventi coerenti che fanno di Eolab il catalogo di quella che sarà la filosofia di mazzimizzazione dell'efficienza applicata a tutta la prossima generazione della gamma Renault a partire dal 2018.

"Nel 2022 sarà completata l'intera nuova generazione della gamma secondo i criteri  e la tecnologia di Eolab, che rappresenta davvero il nuovo modo di concepire e realizzare un'auto". Eolab è una segmento B, in pratica prefigura la quinta generazione di Clio, prevista appunto per il 2018. Rispetto a Clio la concept pesa oltre 200 kg in meno, grazie all'utilizzo di materiali leggeri come l'alluminio e il magnesio ad esempio, utilizzato anche per l'intera struttura del tetto, pianale in materiale composito.

Ma l'alleggerimento è "la madre" di un processo a catena di un centinaio di interventi innovativi che vanno da portiere, cristalli, divisori paratie, allestimenti e arredi più sottili, a motorizzazione in downsizing - il motore che equipaggia Eolab è un 1.000 benzina a tre cilindri da 75cv e 95 Nm di coppia accoppiato ad un elettrico Plug-in da 50 kw e coppia di 200 Nm che ha un'autonomia di 60km in full electric.

Medie di 100 km/litro ed emissioni di CO2 pari a 22g/km, anche grazie all'aerodinamica maniacalmente curata e che, con la collaborazione di Michelin, ha portato ad esempio all'adozione di pneumatici da 145 rispetto a quelli da 185 che equipaggiano la Clio. Massima efficienza aerodinamica, minori attriti, drastica riduzione del peso, downsizing di tutti i componenti, senza che questo penalizzi le prestazioni che restano pari o superiori a quelle di Clio. Con le stesse prestazioni dell'attuale generazione anche una Clio diesel, oggi all'ottimo valore di 80 CO2, scenderà a 50.

Per la ibrida il peso totale del pack elettrico è contenuto in 150 kg. Il criterio della massima attenzione alla leggerezza è peraltro già applicato da Renault. Il nuovo Espace, presentato proprio a Parigi, pesa qualcosa come 250 kg meno del suo predecessore. Insomma Eolab è molto più di un concept da Salone, piuttosto laboratorio tecnologico avanzato e summa  di tutte le innovazioni coerenti che caratterizzeranno l'auto tra cinque anni, almeno le Renault.

Se vuoi aggiornamenti su RENAULT inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Fabrizio Brunetti | 13 ottobre 2014

Altro su Renault

Renault: arriva "The dream cradle"
Attualità

Renault: arriva "The dream cradle"

Riproduce il movimento dell’auto a casa ed è stato sviluppato con il marchio Chicco in concomitanza con la partnership con la nazionale di rugby

Salone di Ginevra 2017: la nuova Alpine A110
Anteprime

Salone di Ginevra 2017: la nuova Alpine A110

Renault presenta la "Berlinette" del 21. Secolo: si chiama A110 come la sua antenata, ha un 1.8 turbo da 252 CV e il corpo vettura in alluminio.

Renault Captur: il crossover si aggiorna a Ginevra
Anteprime

Renault Captur: il crossover si aggiorna a Ginevra

Qualche ritocco estetico e più qualità negli interni per la vettura della Losanga